logo


Rai 5, questa sera Harding in concerto

- Scritto da 
La Filarmonica della Scala

Su Rai 5 i concerti di musica classica vengono trasmessi quasi sempre in prima serata: è il caso di quello che il giovane direttore
d’orchestra inglese Daniel Harding ha eseguito con la Filarmonica della Scala il 27 settembre scorso, e che Rai Cultura manderà in onda il 19 novembre alle 21,15.



Harding, nato ad Oxford nel 1975, è stato notato e lanciato ancora adolescente da Simon Rattle e da Claudio Abbado, che lo volle con sé quando dirigeva i Berliner Philarmoniker: da allora la sua carriera di interprete musicale dal perfetto ‘à plomb’ inglese è stata facile e rapida in tutta Europa - con presenze significative anche in Italia, a Venezia e per i concerti di S.Cecilia -  in particolare egli ha guidato come direttore musicale, principale e ospite la Mahler Chamber Orchestra, presso la quale – a meno di quarant’anni – è diventato direttore onorario.

Nel concerto fa la parte del leone la notissima Quinta Sinfonia di Gustav Mahler (1860-1911), un grande musicista e direttore d’orchestra  in Austria e in USA, che fu composta nel 1902, quando questi aveva appena sposato Alma Schindler di venti anni più giovane: ella gli avrebbe causato - con le sue inquietudini amorose – dolori psichici e fisici, che sommandosi ad una grave malattia cardiaca e alla morte della prima bambina, lo avrebbero condotto alla morte.

Gustav Malher da giovane

La Sinfonia venne ideata e strumentata durante una villeggiatura a Maiernigg in Carinzia, vicino alla natura che Mahler tanto amava: e gli effetti si misurano in quest’opera, ricca di strumenti come l’ottavino, il glockenspiel, il corno inglese, l’arpa,  che acuiscono i suoni della natura. Ma accanto ad essi però è l’urto dei parossistici e grotteschi momenti di sofferenza e di ribellione al dolore di tutta la massa orchestrale, specie nel primo dei cinque movimenti della Sinfonia. Della quale è giustamente famoso poi il bellissimo Adagetto centrale, che fu scelto come colonna sonora di un momento del film di Luchino Visconti “Morte a Venezia” : ma a parte ciò, questa e le altre Sinfonie mahleriane recano forte il segno di un distacco dal sinfonismo beethoveniano e brahmasiano, per aprirsi non solo alla voce umana (già nella Nona di Beethoven essa aveva fatto la sua comparsa), ma alle particolari e infinite voci della natura, in cui l’artista identificava la propria percezione di spaesamento, dinanzi al prossimo crollo del grande e glorioso passato aristocratico dell’Impero asburgico e di Vienna. 

Gustav Malher in età avanzata.

A fronte della notorietà della Quinta Sinfonia di Mahler, sta invece la scarsa conoscenza nel medio pubblico della musica dell’americano Charles Ives (1874-1954). In realtà Ives come musicista rimase uno sconosciuto già in vita: inquieto, innamorato dei suoni e della musica, ma insofferente della disciplina e di ogni metodo di apprendimeto, scelse infine di fare l’assicuratore nella sua compagnia ‘Ives & Myrick’, che chiuse solo nel 1930, suonando per diletto anni e anni l’organo nella Chiesa presbiteriale di New York. Tuttavia compose privatamente molti lieder, musica sinfonica, da camera e per teatro: ed ebbe la soddisfazione non cercata di dirigere la ‘prima’ della sua “Sinfonia n.3”, nel 1946.

Lo sperimentalismo era la sua vocazione: le dissonanze, l’atonalità, la poliritmìa connotano liberamente le sue opere – la poliritmìa della “Sinfonia n.4” richiede infatti due diversi direttori – accanto alla qualità dei timbri, che affascina appunto il direttore Daniel Harding. Ives giunse infine ad avere i primi apprezzamenti con le sue ultime opere, specie quelle sensibili al pensiero del filosofo americano trascendentalista Emerson, ed a vincere il Premio Pulitzer nel 1947, con “A Farewell to Land” su testo di Lord Byron.

Nel concerto odierno il M°Harding eseguirà la più nota opera di Ives, “The Unanswered Question” per tromba, quattro flauti e quattro archi, composta nel 1908. Una domanda, quella del compositore, che resta tuttavia senza risposta.
                                                                                   

Ultima modifica Giovedì, 19 Novembre 2015 10:38
Paola Pariset.

Giornalista, specializzata nell'ambito dell'arte della musica, della danza e non solo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo