logo


Pio XII, al secolo Eugenio Pacelli, Papa dal 1939 al 1958

È stato presentato presso la Curia Generalizia dei Gesuiti di Roma il documentario dedicato a Papa Pacelli, che rientra all'interno del ciclo "Italiani" con Paolo Mieli. La messa in onda è prevista per martedì 12 gennaio a partire dalle 22 su Rai Storia.

L'opera, diretta da Antonia Pillosio, è stata proiettata in anteprima alla stampa e ripercorre la lunga vita di Papa Pio XII. Nato a Roma nel 1876, fu ordinato sacerdote all'età di 23 anni. Entrato nella curia romana, venne prima inviato in Germania come nunzio apostolico, per poi diventare segretario di Stato nel 1930 sotto il pontificato di Pio XI. Fu eletto Papa nel 1939 e morì nel 1958. Attraverso testimonianze di storici e immagini del tempo, il documentario racconta anche le difficoltà del suo pontificato, durante il quale scoppiò e finì la seconda guerra mondiale.

Per l'occasione ha partecipato alla conferenza Giuseppe Giannotti, vicedirettore di Rai Cultura: "Abbiamo raccontato il Papa che si è messo a confronto prima con la radio e poi con la televisione". E poi: "Ora ci stiamo dedicando anche a documentari su personalità che hanno vissuto in epoche più lontane, come ad esempio Athanasius Kircher, l'uomo più colto di tutto il '600".

Secondo la regista Antonia Pillosio, la ricostruzione della vita di Pacelli è stata frutto di un grande lavoro di ricerca: "Abbiamo utilizzato prevalentemente materiale delle Teche Rai, avvalendoci anche del supporto dell'Archivio Sonoro di Radio Vaticana. In questo modo abbiamo potuto riascoltare la vera voce di Pio XII, riscoprendo la sua persona oltre che il suo ruolo di Pontefice".

A prendere parte all'incontro con la stampa anche Padre Marc Lindeijer, postulatore per la causa di beatificazione di Pio XII. Pacelli nel 2009 è stato dichiarato Venerabile, ma ancora non basta: "Il problema è che non abbiamo ancora il miracolo, nonostante il culto di Papa Pio XII sia diffuso in tutto il mondo. La Chiesa richiede accurate prove e documentazioni, ma spesso le persone che si dicono miracolate sono piuttosto reticenti nel presentarsi e parlare davanti ad un tribunale ecclesiastico".

Su Pio XII si è spesso detto che abbia taciuto di condannare, all'epoca, il massacro degli ebrei deportati nei campi di sterminio nazisti. Secondo Padre Peter Gumpel, storico e relatore per la causa di beatificazione di Pacelli, "nessuno ha fatto tanto in quel periodo come Pio XII". E a chi gli chiede se il rallentamento della sua beatificazione sia dovuto a delle opposizioni da parte del mondo ebraico, risponde: "Le cose stanno cambiando". Studi e ricerche, non a caso, hanno dimostrato come in realtà il Pontefice salvò molti cittadini ebrei dalle deportazioni.

"Da un punto di vista storiografico, il bilancio su questo Papa è positivo. In merito alla presunta omissione del problema dell'Olocausto, c'è da dire che il massacro degli ebrei per molto tempo non rappresentò una priorità nemmeno per gli alleati", ha affermato lo storico Matteo Luigi Napolitano, intervistato anche all'interno del documentario. "Pio XII istituì al tempo un Ufficio Informazioni con lo scopo di fornire informazioni sulle sorti di parenti e conoscenti dispersi o prigionieri di guerra, a dimostrazione di come in realtà non ignorasse il problema delle deportazioni durante il conflitto", ha proseguito. "Tanti documenti provenienti da archivi esteri ci raccontano molto di più sul suo conto rispetto al Vaticano".

Gli archivi della Santa Sede sono consultabili fino al febbraio 1939, dunque prima dell'inizio del pontificato di Pacelli. Da quell'anno in poi sono ancora secretati. "Soltanto Papa Francesco può decidere quando renderli accessibili", ha detto Piero Doria, storico dell'Archivio Segreto Vaticano. "Su Pio XII, che mi piace definire un personaggio ascetico, ci sono milioni di carte. Tuttavia, prima di aprire un archivio è necessario un lungo lavoro di preparazione e sistemazione di tutta la documentazione. Non appena sarà possibile potrà essere a disposizione di tutti gli studiosi".

Ultima modifica Lunedì, 11 Gennaio 2016 22:42
Francesco La Rosa

Nasco a Napoli nel 1989, ma la mia città è San Giorgio a Cremano, la stessa di uno dei miei miti: Massimo Troisi. Gli studi mi hanno portato a Roma, dove mi sono laureato in Editoria multimediale e nuove professioni dell’informazione alla Sapienza. Sono giornalista pubblicista. Il varietà è il mio genere preferito, sia in tv che in radio. A ruota seguono serie tv e quiz. La mia passione è il Festival di Sanremo: da piccolo fantasticavo di cantare sul palco dell'Ariston, ora mi limito a sognare di condurlo! .

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo