Voyager dal 4 luglio su Rai 2 anche in inglese, ecco tutte le novità


Voyager - ai confini della conoscenza torna su Rai 2 con il sottotitolo "Italia straordinaria, il paese che ha cambiato il mondo". Quattro puntate più una speciale dedicate a particolari città in cui storia, bellezze architettoniche e tesori culturali le hanno rese uniche agli occhi di tutto il mondo.

Voyager – ai confini della conoscenza torna su Rai 2 a partire da lunedì 4 luglio con la ventinovesima edizione. Al timone come al solito Roberto Giacobbo. La prima novità è il sottotitolo: “Italia straordinaria, il paese che ha cambiato il mondo“. Si tratta di quattro puntate, più una speciale, dedicate a particolari città in cui storia, bellezze architettoniche e tesori culturali, le hanno rese uniche agli occhi di tutto il mondo. Le città sono Genova, Pisa, Cremona, Ferrara, Vibo Valentia e Palermo. Ma ci saranno anche luoghi oltreconfine nei quali si parlerà di personaggi italiani che si sono particolarmente distinti.

 Le puntate si occuperanno rispettivamente dell’Italia del Nord, del centro, del Sud e delle isole. Dunque un’Italia straordinaria che non sarà visibile soltanto in Tv ma avrà in second screen, avrà, cioè, una vita parallela, sul web. Grazie a tecnologie all’avanguardia e con gli innovativi sistemi di ripresa, il pubblico potrà vedere il programma anche sugli smartphone dove saranno fruibili i filmati appositamente realizzati e lanciati nel corso della messa in onda della trasmissione. La particolarità è che lo spettatore dagli smartphone potrà spaziare nell’interno campo visivo per un’ampiezza di 360 gradi andando così a scoprire tutto quello che vuole al di là di quanto gli viene proposto. 

Ma la straordinarietà è rappresentata anche da una versione di ogni puntata di un’ora sottotitolata in inglese. Questo per consentire ai nostri connazionali all’estero di scoprire le comuni radici che uniscono gli italiani e gli emigrati arrivati oramai alla seconda e alla terza generazione.roberto giacobbo voyager

E a proposito di nostri connazionali all’estero, Roberto Giacobbo ci farà conoscere persone che vivono in svariate Nazioni e hanno dato un contributo molto consistente allo sviluppo del paese in cui sono emigrati. Ad esempio in una puntata ci presenta un emigrante italiano Luigi De Bianco. A noi questo nome non dice nulla ma negli USA è talmente famoso da comparire su un annullo postale delle Poste Americane.

Naturalmente Voyager manterrà il proprio format e andrà alla scoperta di tutto quanto c’è di nascosto e di inesplorato nelle principali città italiane, ne analizzerà i monumenti più noti e andrà alla ricerca di misteri e di suggestioni.

Le prime puntate toccheranno Genova, Cremona e Ferrara. Come al solito Giacobbo andrà alla scoperta della città sotterranea di Genova attraversando cunicoli così stretti da poterci passare soltanto strisciando. Sempre a Genova il conduttore ci parlerà di Niccolò Paganini, musicista genovese che suonava in maniera talmente sublime da far pensare di aver stretto un patto col diavolo. 

Giacobbo si occuperà anche di Antonio Stradivari il più grande liutaio di tutti i tempi e mostrerà anche le teche di due dei suoi violini. I due strumenti suoneranno in esclusiva per le telecamere di Voyager. Subito dopo sempre nella prima puntata Giacobbo arriva a Cremona. Infine a Ferrara dove si parlerà di un certo Sigismondo Fanti che avrebbe anticipato Nostradamus almeno di un paio di decenni. L’ultima curiosità: il più esperto traduttore di Nostradamus avrebbe previsto nel 2004 in un articolo pubblicato su un giornale locale, l’elezione a Papa di Jorge Mario Bergoglio.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Voyager dal 4 luglio su Rai 2 anche in inglese, ecco tutte le novità”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*