logo


Libri e tv Totò kolossal dal piccolo al grande schermo

- Scritto da 

 50 e non sentirli. Nel 2017 ricorrerà il cinquantennale della morte del principe della risata.

Molto deve la comicità di casa nostra ad Antonio De Curtis, in arte Totò. Il debito di riconoscenza è da parte dell’ arte tutta, dal cinema al teatro: un patrimonio della cultura italiana. Gli deve riconoscenza anche il piccolo schermo: le sue apparizioni in tv furono poche, ma lo sfruttamento reiterato del personaggio si verifica appena possibile: nell’amarcord delle teche, nei palinsesti estivi con i film in rotazione continua.



La lettera dettata a Peppino De Filippo, la vendita della Fontana di Trevi, sono scene depositate nell’immaginario collettivo. Espressioni come “signori si nasce, e io lo nacqui”, “ma mi faccia il piacere!”, “e io pago!” sono entrate nel linguaggio comune: anche chi non ha visto un suo film per intero, non può immaginarle senza la voce dell’eclettico attore. Le invenzioni linguistiche, la gestualità che si impone, i “caporali” sbeffeggiati: tutto in Totò ha contribuito a renderlo un personaggio amatissimo dal pubblico, capace di attraversare le generazioni senza perdere grandezza.

La bibliografia in merito è ampia: l’ultimo in ordine di uscita è Totò Kolossal, edito da Gremese e firmato dallo storico cinematografico Ennio Bispuri. Lo studioso smentisce la leggenda secondo cui Totò improvvisasse sul set: al contrario, il copione era studiato nei minimi dettagli. Ma il principe De Curtis era un uomo di teatro: Totò non guardava all’insieme dell’opera, ma alla realizzazione della singola scena che, di volta in volta, doveva tenere viva attenzione dello spettatore. E il primo ciak si rivelava sempre il migliore, sebbene per un eccesso di perfezionismo tendesse sempre a ripetere le scene. Lui che seguiva le persone nei vicoli di Napoli per coglierne i tic e, poi, renderli maschere attoriali, portava il teatro davanti alla macchina da presa.
Lo capì Mario Monicelli, che ne fece l’esperto di casseforti per Dante Ferretti ne I soliti ignoti: il regista chiese alla troupe di applaudire, così da dare l’impressione di una platea. Solo così Totò poteva davvero sentirsi vivo sul set.

A fronte di una filmografia infinita, 97 film per i cinema, pochi i lavori per la televisione: un ciclo di nove telefilm, trasmessi però postumi alla morte, e alcuni caroselli. Ancora meno le apparizioni nei programmi: nel 1958 ne Il Musichiere, nel 1965 e 1966 ospite di Mina a Studio Uno, dove ripropose il famoso sketch Pasquale. Una seconda serie di caroselli invece, pur realizzati, non vennero mai trasmessi perché ne vennero rubate le pellicole.
La tv però, puntualmente, ricorre alla comicità di Totò quando incombono le feste: ritratto di un’Italia in bianco e nero, di cui vizi e virtù sembrano però essere rimasti immutati. Il quadro di un paese verso cui si prova la nostalgia di tempi mai vissuti, eppure rassicurante nel suo affresco di mascalzoni a cui si affiancavano scanzonati onesti.
Il 15 aprile saranno 50 anni senza Totò, il poeta della Malafemmena: una figura che si erge statuaria sopra le altre. Un’identità riuscita a rimanere tale, inimitabile persino per la tv, che tutto rimescola e copia.

Ultima modifica Martedì, 22 Novembre 2016 11:21
Irene Natali

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo