Don Giovanni di Mozart su Rai 5 per Spoleto 2017, la recensione


Riflessioni sull'allestimento televisivo del Don Giovanni di Mozart che ha aperto il Festival di Spoleto 2017.


 Rai 5 ha mandato in onda – ieri sera alle 19,30 in diretta dal Festival dei Due Mondi di Spoleto – lo spettacolo inaugurale della manifestazione 2017: il “Don Giovanni” di Mozart, uno dei capolavori dell’insuperabile suo teatro musicale.

Con un parterre da grandi occasioni, l’opera è stata messa in scena nel Teatro Nuovo Giancarlo Menotti, nel cuore di Spoleto: e occorre dire che la personalità del fondatore del Festival aleggiava sul palco durante l’esecuzione, facendo sì che tutti gli interpreti tenessero ben fermo il testo e lo spirito di Mozart. La diretta ovviamente ha dato spazio alle delucidazioni sullo spettacolo e agli interventi degli artisti – segnatamente il regista Giorgio Ferrara e il direttore d’orchestra James Conlon – in apertura e nell’intervallo: ma tutto ha da subito concorso ad una lettura complessiva oltremodo limpida, rispettosa, lineare e correttamente ‘teatrale’ dell’opera mozartiana.

spoleto scenografia don giovanni

                                                               La scenografia del Don Giovanni

Nessuna bizzarrìa registica, nessuno stravolgimento e rovesciamento nell’oggi del testo settecentesco, grazie a Giorgio Ferrara. Cui dobbiamo anche una gestualità dei cantanti misurata e lenta, a vantaggio di una visione frontale che era quella che Mozart ai suoi tempi poteva prevedere: era questa la ‘teatralità’ di allora, anche del teatro giocoso che egli prediligeva, pieno di colori e maschere.

Tiliakos Dimitris don giovanni

                                                                      Dimitros Tiliakos

Don Giovanni, il baritono greco in gran carriera Dimitros Tiliakos, in scena non era fisicamente bello, perchè la sua seduzione è tutta psicologica e interiore, tesa a soggiogare la donna emotivamente, come precisa il filosofo Kierkegaard che ne studiò la figura, e le cui parole introducono lo spettacolo. Don Giovanni rientra nel teatro buffo che Mozart conobbe nel viaggio giovanile in Italia: la sua tragicità affiora in ultimo, dinanzi al sovrumano, quando giganteggia (anche con la voce) sfidando Dio.

arianna vendittelli soprano

                                                     Arianna Vendittelli- soprano

E persino qui la regìa di Ferrara – inserita in un’architettura neoclassica perfetta di Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo – non è ricorsa ad effetti, ma ha rimesso in scena, al posto della statua semovente, il redivivo Commendatore (il basso Antonio Di Matteo), che ha trascinato con sé per mano il superbo e incrollabile Don Giovanni nell’Inferno.

Iscritte in tale cornice – e con bellissimi abiti settecenteschi – le tre donne dell’opera, eccellenti cantanti: Donna Anna (Anna Lucia Cesaroni) a stento sfuggita alle mire del seduttore e sempre insieme col fidanzato Don Ottavio (il tenore belcantista Brian Michael Moore, che ha spiccato nell’aria “Il mio tesoro andate a consolar” su bellissimo tema musicale di Mozart). Indi Donna Elvira (Davinia Rodriguez), combattiva ma innamorata, e la cedevole contadina Zerlina (Arianna Vendittelli) con le sue finezze canore settecentesche. Bravissimo Leporello (il baritono buffo Andrea Concetti, formatosi a Pesaro in ambiente rossiniano) e il determinato Masetto (Daniel Giulianini). A ciò si aggiunga lo smalto mozartiano della direzione Conlon. Spettacolo stupendo ed anche piuttosto raro, oggi

La regìa televisiva era di Arnalda Canali.



0 Replies to “Don Giovanni di Mozart su Rai 5 per Spoleto 2017, la recensione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*