logo


La Turandot del festival

 

Una stupefacente “Turandot” di Giacomo Puccini sta per essere mandata in onda su Classica HD, Sky canale 138, questa sera sabato 25 luglio alle 21,10 in esclusiva e in prima visione dal Festival di Bregenz in Austria (appuntamento importante per gli appassionati di lirica).

La cittadina prospetta sul lago di Costanza, e qui - come di consueto - su una piattaforma galleggiante verrà allestito lo  spettacolo lirico. Dunque in uno scenario unico, che in certo modo viene incontro all’opera fiabesca, ambientata nel favoloso  regno di una Cina mitica.

E’ amaro scriverne per chi, a Roma, inevitabilmente è spinto al confronto con la “Turandot” in corso fino all’8 agosto alle Terme di Caracalla, per la stagione del Teatro dell’Opera.

L’idea di collocare come fondale dello spettacolo la Muraglia Cinese è venuta in realtà sia al regista svizzero Marco Arturo Marelli per la “Turandot” austriaca, che al regista e scenografo Denis Krief per la “Turandot” romana a Caracalla. Ma la riproduzione dal vero di una Muraglia di 72 metri per 27 di altezza, ha richiesto agli austriaci un anno di lavoro, il quale ha incluso anche la riproduzione di 205 Guerrieri in terracotta (dei circa 700 - in origine dovevano essere 7000 - che ci ha restituito la famosa tomba dell’imperatore cinese Qin Shi Huang (260-210 a.C.) a Xi’an nel 1974, l’imperatore a cui di deve anche la costruzione della grande Muraglia: una scoperta favolosa, i Guerrieri bellissimi sono Patrimonio protetto dell’UNESCO, come la Muraglia stessa.

Il festival di BregenzBregenz e la Turandot

Questo allestimento, di una grandiosità forse eccessiva ma degna finalmente del capolavoro di Puccini, ci dà la misura della distanza fra l’Italia e l’Europa quanto a investimenti culturali.

Sul palcoscenico di Caracalla la mini-Muraglia di pochi metri era di legno e bambù, di Guerrieri nemmeno l’ombra: anzi il  pavimento era ricoperto di anime dei pretendenti fatti uccidere da Turandot, in risibile forma di pianticelle dal fiore a testa di manichino, come nei quadri metafisici di De Chirico.

Per non parlare dei cantanti del Coro e delle Voci Bianche dell’Opera, tutti in giaccone rosso da irreggimentati cittadini della Repubblica Popolare Cinese. Non è questione di mancanza di idee, ma di mancanza di fondi, che non consentono agli artisti di ideare nulla di alto, perchè costoso.

luan Yitians oprano cineseluan Yitians soprano cinese

L’amarezza nasce dalla modestia e soprattutto mediocrità dell’impegno italiano e di Roma, per opere di nostri compositori grandissimi, che all’estero sono oggetto di un omaggio spettacolare come nel Festival di Bregenz in Austria per la “Turandot” di Puccini.

E’, questa, l’opera ultima del compositore toscano, rimasta incompiuta per la sua morte nel 1924 in un ospedale di Bruxelles, dove tentavano di strapparlo ad un cancro alla gola. Puccini si fermò al punto della morte di Liù: e l’edizione in corso a Roma lì si arresta, rinunciando (come Toscanini alla ‘prima’ della Scala nel 1926!) al pur decoroso completamento di Franco Alfano voluto da Ricordi, sulla base di 23 pagine di appunti lasciati da Puccini: cosa che ha sempre comportato – specie in questa già povera edizione di Roma - uno strappo drammaturgico e scenico, che Puccini non avrebbe voluto. 

Riccardo Massi

Riccardo Massi

Protagonista nella forte e possente partitura pucciniana, in questa “Turandot” di Bregenz, è la raffinata Orchestra Sinfonica di Vienna diretta dall’italiano Paolo Carignani, presente nei Festival di Spoleto, al Rossini Opera Festival, allo Sferisterio di Macerata, nei teatri internazionali, ed oggi direttore della  Frankfurter Museumsorchester.

Nel ruolo feroce di Turandot è il soprano tedesco Katrin Kapplusch (che si alterna con altri due), il Principe Calaf sarà il tenore italiano Riccardo Massi (a turno con due altre voci), Liù è la giovane e promettente cinese Yitian Luan (con due altri soprano a turno), mentre Timur padre di Calaf è il già celebre Michail Ryssov.

Nella trasmissione televisiva la conduzione è di Silvia Corbetta col critico musicale Giovanni Gavazzeni, in diretta dall’Expo Austria di Milano, e prevede un’intervista al regista Marco Arturo Marelli. Per le repliche, controllare il settimanale Sky: guidatv.sky.it/guidatv.

Qui la Turandot dal Teatro alla Scala di Milano.
                                                                           

Ultima modifica Sabato, 25 Luglio 2015 15:33
Paola Pariset.

Giornalista, specializzata nell'ambito dell'arte della musica, della danza e non solo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo