logo


Agon Channel, l'inesorabile declino del canale

- Scritto da 

In lingua albanese significa alba, ma il nome non è stato di buon auspicio: a nemmeno un anno dall’inizio delle trasmissioni in italiano infatti, Agon Channel è già avviata al tramonto.
Nessuna nuova stagione televisiva è iniziata a settembre, nessun programma al debutto, tranne una sitcom serale. Chi ne fa parte, lo ammette senza indugiare in perifrasi consolatorie: “Potrebbe chiudere anche domani mattina”.

Mentre il canale albanese, aperto nel 2013, è stato chiuso dalle autorità, quello italiano è ancora in onda, ma con ben poche prospettive. Può capitare insomma, di imbattersi in Maddalena Corvaglia che nel primo pomeriggio apre una puntata di My Bodyguard al grido di “Buonasera!” Oppure di trovarsi, in una qualsiasi domenica mattina, davanti ad interminabili televendite di paccottiglia: una rete nazionale alla stregua di una locale.
Una replica a ciclo continuo. Un canale che “resiste”, come si mormora negli ambienti ad esso vicini. Nel sito non esiste alcuna traccia di palinsesto: tutto è fermo da mesi, gli ultimi video caricati risalgono a luglio.
Indiscrezioni riferiscono  di manovalanza albanese non pagata, denunce da parte dei concorrenti che hanno partecipato ai quiz show e non hanno visto l’ombra dei compensi previsti, spot per promuovere i programmi mai realizzati. Personaggi che passano da una trasmissione all’altra: una concorrente di Modelle fuori riciclata a Chance, il vincitore di Americano affiancato da una collega eliminata alla conduzione del suo show. Lo sfruttamento massimo delle risorse, spremute a più livelli per ottenere il massimo del risultato.
Dopo la parata di star della serata di presentazione, madrina d’eccezione Nicole Kidman, la rete aveva ingaggiato molti esuli del piccolo schermo di casa nostra: erano volati oltre Adriatico Simona Ventura, Sabrina Ferilli, Pupo, Veronica Maya, Maddalena Corvaglia, Luisella Costamagna, Monica Setta, Marco Senise. All’informazione erano invece stati reclutati Antonio Caprarica e Giancarlo Padoan. A Caprarica, storico corrispondente londinese Rai, si deve il dettaglio sublime della pioggia che ticchetta sui container insonorizzati, rendendo difficoltoso il montaggio dei servizi.
Quella del giornalista è stata la prima defezione, ad appena due settimane dall’inizio delle trasmissioni. In seguito, di abbandoni se ne sarebbero verificati altri, ma più defilati.
E ora il fermo a Londra di Francesco Becchetti, accusato di evasione fiscale, riciclaggio di denaro e falso in documentazione, in attesa che il tribunale si pronunci sull’estradizione il mese prossimo.
Lo spazio delle news è diventato un bollettino di guerra contro Edi Rama, primo ministro albanese, reo di aver tagliato la corrente al canale con un “atto stalinista” e di aver emesso un mandato d’arresto contro l’editore senza prove. “Un atto primitivo e vendicativo ha spento Agon Channel” recitano infatti gli spazi informativi, che indicano Edi Rama come responsabile di questo “sequestro illegale” che sarebbe un  "atto contro la libertà d'informazione".
Intanto, su Agon Channel le repliche proseguono inesorabili. Dei 40milioni di investimento ora sono rimaste solo le altisonanti dichiarazioni d'intento della vigilia. E un mandato di cattura internazionale.

 

Ultima modifica Lunedì, 09 Novembre 2015 16:38
Irene Natali

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo