logo


 Il capodanno di Rai1 continua a tenere banco. E, a distanza di un giorno dalla messa in onda, arriva anche la dura condanna dell'Osservatore romano a proposito della bestemmia apparsa nel corso della diretta televisiva sugli schermi.

Il quotidiano della Santa Sede non è certamente tenero con l'azienda di viale Mazzini. "Brindisi anticipato, il finale di "Star Wars" rivelato, parolacce e addirittura una bestemmia. Tutto in diretta". Non è stato certo un capodanno tranquillo quello della Rai. La maratona di cinque ore sulla prima rete ha registrato non solo il record degli ascolti, ma anche quello degli incidenti".

"Il fatto più grave, prosegue il breve commento non firmato, apparso sul quotidiano, "è che in alcuni sms trasmessi in video sono comparse imprecazioni e una bestemmia. L'inconveniente, se così si può definire, sarebbe stato causato da un "errore umano" il cui "responsabile è stato sospeso". Ma "l'errore umano" rivela che agli occhi di molti, anche adibiti al controllo degli sms inviati, la bestemmia ormai è considerata irrilevante, se non accettabile. E l'episodio mostra come la televisione, pubblica o privata che sia, per acquisire una dimensione social a tutti i costi rischi di divenire uno strumento fuori controllo. Con l'alibi dello share".

Ma nelle polemiche di questi giorni, si inserisce anche la voce di Carlo Freccero consigliere Rai. Freccero coglie l'occasione per attaccare l'ex segretario di Stato Vaticano, Tarcisio Bertone: "Provo tristezza, perché dopo le email che abbiamo scoperto fatte dal cardinal Bertone e da altri personaggi importanti per introdursi e imporre loro creature alla direzione generale della Rai, l'intervento di oggi dimostra che ancora una volta il Vaticano rispetto alla tv pubblica è sempre identico a stesso: occupazione di potere, occupazione di potere, occupazione di potere. Vergogna".

L'ex direttore di Italia 1 e di Rai2 ha parole dure anche per i responsabili della politica. "Viviamo la crisi più drammatica di sempre e i nostri politici si occupano di una orologio guasto e di un sms passato in sovrimpressione per errore nello show di Capodanno. Forse abbiamo perso la reale prospettiva delle cose".

Come si ricorderà, L'anno che verrà aveva anticipato l'arrivo del 2016 di almeno un minuto e, nel corso della diretta, era passato in video una bestemmia.

E' prevedibile che le polemiche continueranno ancora.

Ultima modifica Domenica, 03 Gennaio 2016 03:19
Redazione

La nostra redazione

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo