Report, la Gabanelli su Solution revolution e La fabbrica del cemento


I reportage che vanno in onda nella puntata odierna condotta da Milena Gabanelli su Rai3

 Milena Gabanelli torna questa sera su Rai 3 con una nuova puntata di Report. L’appuntamento è subito dopo la conclusione del talk show Che tempo che fa condotto da Fabio Fazio.

Due i reportage di punta che saranno mostrati e che sono stati realizzati dagli inviati del programma.

Il primo ha per titolo Solution Revolution e il secondo La sindrome del cemento. In particolare questo secondo servizio è finalizzato a far conoscere la realtà di una vera megalopoli cinese ovvero Shenzhen. Dopo le inchieste della scorsa settimana, si rientra nel vivo dei problemi non solo italiani.

{module Pubblicità dentro articolo}
In Solution Revolution, il giornalista Michele Buono documenterà tutti i modi attraverso i quali la ricchezza riesce ad influenzare in maniera positiva l’intera comunità civile. Insomma se fino a poco tempo fa si pensava che il bene pubblico fosse esclusivamente delegato allo Stato e che invece le imprese private dovessero pensare soltanto ad incrementare i propri introiti, adesso qualcosa è profondamente cambiato e le due realtà possono persino convivere. In quale maniera lo spiegherà questa sera proprio Michele Buono.

Intanto i bisogni di tutte le popolazioni in ogni nazione crescono. Lo Stato ovunque, non solo in Italia ma anche in Europa e a livello internazionale, non riesce più a far fronte alle richieste dei cittadini. I bisogni restano e se rimangono insoddisfatti non conviene a nessuno che restino tali, nemmeno ai ricchi.

Il reportage di questa sera ha come fine proprio far capire in quale modo, e soprattutto dove, si possono reperire le risorse necessarie per soddisfare, finalmente, i bisogni dei cittadini.

Matteo Buono ci mostrerà che è indispensabile, innanzitutto, un cambio radicale della mentalità. Infatti molti uomini d’azienda in tutto il mondo stanno cominciando a domandarsi se l’impresa può creare risorse e generare un impatto sociale e se la finanza può essere un moltiplicatore di ricchezza. Allora quale sarebbe l’effetto di usare questi strumenti per il benessere sociale? E soprattutto si può andare avanti in questo modo senza prendere nessuno per i fondelli?

shenzhen cina

Shenzhen

Passiamo al secondo servizio che ha per titolo La sindrome del cemento ed è stato realizzato da Giuliano Marrucci. Viene raccontato lo sviluppo di Shenzhen. L’esodo dalla campagna cinese alla città ha fatto in modo che si potesse creare una vera e propria megalopoli divenuta polo di interesse internazionale e abitata addirittura da 15 milioni di cittadini. Stiamo parlando proprio di Shenzhen. Qui 30 anni fa c’erano soltanto piccolissimi villaggi rurali, la tecnologia non era mai arrivata e si viveva allo stato quasi primitivo.

{module Pubblicità dentro articolo}

Oggi, invece, Shenzhen è uno dei centri più importanti della Cina del ventunesimo secolo. È l’esempio di come la industrializzazione riesce a creare potenza e importanza. Tutto questo fa anche capire come l’Occidente sia stato molto più lento rispetto alla corsa alla industrializzazione dell’Oriente. Infatti le nostre nazioni sono arrivate a risultati apprezzabili solo dopo molti secoli, invece l’Oriente si è dimostrato molto più efficiente ed ha impiegato nel fenomeno della industrializzazione soltanto 20 anni.



0 Replies to “Report, la Gabanelli su Solution revolution e La fabbrica del cemento”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*