La Gabbia open, Freccero contro le nomine Rai


Carlo Freccero, consigliere del CdA della Rai, dagli schermi de La7 spara a zero contro le nomine Rai. E' accaduto nel corso dell'ultima puntata del talk show La Gabbia open andata in onda mercoledì 3 agosto, sulla rete gestita da Urbano Cairo e condotto da Gianluigi Paragone.


 

 Carlo Freccero, consigliere del CdA della Rai, dagli schermi de La7 spara a zero contro le nomine Rai.  È accaduto nel corso dell’ultima puntata de La Gabbia Open andata in onda mercoledì 3 agosto, sulla rete gestita da Urbano Cairo. Il talk show, condotto da Gianluigi Paragone, ha dedicato un ampio spazio al cambio dei direttori dei Tg dell’azienda di viale Mazzini. Freccero ha avuto anche una discussione con il massmediologo Klaus Davi, ospite della trasmissione.

Il consigliere di amministrazione Rai è stato molto duro nei confronti del governo Renzi: il renzismo è una dittatura, ha detto, neppure il governo Berlusconi si era comportato come sta facendo l’attuale Premier. Freccero ha stigmatizzato che, a suo parere, le nomine dei nuovi  responsabili dei Tg ratificate nella mattinata del 4 agosto, hanno un obiettivo ben preciso: cercare di influire sul pubblico televisivo in vista del referendum costituzionale del prossimo ottobre. E sotto questo punto di vista, ha detto, sono una vergogna. Il consigliere Rai ha anche ricordato che la vittoria del si al referendum è strettamante legata alla permanenza al governo dello stesso Presidente del Consiglio che ha fortemente personalizzato la consultazione popolare.

{module Pubblicità dentro articolo}

Parole durissime. Ma non è tutto: In qualità di studioso del piccolo schermo e delle dinamiche ad esso legate, Freccero ha messo in evidenza come, ancora oggi, la tv abbia un’influenza determinante su una fascia di telespettatori non più giovanissimi, in particolare sugli incerti, gli indecisi, coloro che non si sono ancora formata una propria opinione e cercano indicazioni utili per prendere una decisione.

Quello che dovrà rappresentare il nuovo assetto dei Tg non ha bisogno di essere dimostrato, è sotto gli occhi di tutti, ha continuato, inesorabile Carlo Freccero già direttore di Rai2, di Italia 1, solo per citare qualcuno degli innumerevoli incarichi da lui avuti nel corso della sua lunga carriera.

la gabbia

Freccero ha parlato con dati alla mano, riuscendo spesso a mettere in difficoltà Klaus Davi che cercava disperatamente di difendere, in qualche modo, le decisioni prese in Rai. Il massmediologo è ospite fisso de L’Arena di Massimo Giletti, il suo rapporto con viale Mazzini è dunque, molto stretto.

Abbiamo assistito al solito trend televisivo per fomentare le polemiche e suscitare discussioni: si scelgono gli schermi di un’altra rete per lanciare un affondo contro la concorrenza. Freccero, dall’alto della sua ineccepibile competenza che ha più volte messo in evidenza, ha tuonato contro un andazzo che, a suo parere, rincorre un determinato obiettivo: fare in modo che la tv possa dare una mano al Premier Matteo Renzi per vincere il referendum costituzionale, ribattezzato ironicamente “Referenzum” con riferimento al cognome del Presidente del Consiglio.

E lo stesso conduttore, Gianluigi Paragone, non ha fatto mancare la sua opinione, naturalmente dura, contro la Rai. “Anch’io mi sto togliendo qualche sassolino”  ha commentato alla fine.

{module Macchianera}



One Reply to “La Gabbia open, Freccero contro le nomine Rai”

  • Gaetano

    Farinetti, ha detto che i grani duri italiani della Sicilia e Calabria sono di qualità scadenti per la pastificazione.
    Il nostro grano duro Capelli nel 900 e stato il migliore al mondo. Oggi, che finanzia il governo Renzi, in qualità globazionista le fa comodo dire queste cose. La globalizzazione e la rovina dell’umanità..

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*