Ettore Bernabei è morto, addio allo storico dg della Rai educativa


Ettore Bernabei, 95 anni portati benissimo, una grande lucidità di pensiero, è morto il 13 agosto nella sua casa all'Argentario, dopo una vita trascorsa come giornalista prima e come dg della Rai dopo.


 Se ne è andato serenamente nella villa dell’Argentario dove si trovava in vacanza con la famiglia. Quella famiglia alla quale aveva sempre rivolto tutte le sue attenzioni e che aveva cercato di tutelare e proteggere anche in tv. Ettore Bernabei, 95 anni portati benissimo, una grande lucidità di pensiero, è morto dopo una vita trascorsa come giornalista prima e come dg della Rai dopo.

 Storico direttore generale della Rai negli anni del monopolio, ha sempre ribadito uno dei punti di forza della sua attività di ‘grande condottiero’ della tv pubblica e poi di produttore: l’importanza di una televisione capace comunicare in maniera corretta e di elevare il pubblico. Una convinzione radicata anche nella sua educazione cattolica. Nato a Firenze il 16 maggio 1921, padre di otto figli, dopo la laurea in Lettere moderne si dedica alla passione per il giornalismo. Dal 1951 al 1956 è direttore del Giornale del Mattino, quotidiano di ispirazione cristiana. Vicino ad Amintore Fanfani, nel 1956 viene chiamato alla guida del Popolo, organo della Democrazia Cristiana.

E’ stato direttore generale della Rai dal 1961 al 1974, ed è sempre stato considerato molto vicino al Vaticano ed agli ambienti ecclesiastici. Fu lui, nel suo ruolo di direttore generale della Rai, ad assegnare all’azienda televisiva pubblica, la missione di educare il Paese. Fu nel corso della sua dirigenza, ad esempio, che dagli schermi dell’unico canale televisivo nazionale, il maestro Alberto Manzi insegna a leggere e scrivere a un’Italia che nel 1960 contava ancora il 35% degli analfabeti. Nel corso della sua dirigenza si affermano anche i grandi sceneggiati, tra cui I fratelli Karamazov e I promessi sposi.  Bernabei intese benissimo il significato di “servizio pubblico” della Rai e non è mai venuto meno a quella che considerava un dovere verso i telespettatori: dare loro una tv sana, educatrice, sobria.

bernabei ettore

Notissima, infatti, l’imposizione fatta alle gemelle Kessler che, nel programma Studio Uno, furono costrette ad indossare lunghe e scure calze coprenti per non mostrare le gambe. Preistoria dinanzi alle sconcezze che passano oggi in tv.

Non ha mancato di far sentire la sua voce anche sui reality, definiti “modello che nulla ha a che fare con i milioni di italiani che studiano, ricercano, o la mattina si alzano prestissimo”.

La morte è stata confermata dai figli Luca e Matilde Bernabei responsabili della Lux Vide, casa di produzione molto attiva nel campo della realizzazione di fiction.

Infatti, dopo aver lasciato la Rai, Bernabei nel 1992, creò la società di produzione Lux Vide, che realizza importanti fiction anche in coproduzione con paesi europei e con gli Stati Uniti. Colossale il progetto Bibbia, 21 prime serate prodotte fra il 1994 e il 2002 per Rai1, vendute in 140 Paesi. Il merito era di coniugare rilevanza culturale, valore artistico e grande appeal popolare. Un successo seguito da altre coproduzioni internazionali e dallo sviluppo della lunga e media serialità, con titoli come Don Matteo.

Pur avendo lasciato il testimone dell’attività di produttore nelle mani dei figli Luca e Matilde, Bernabei continuava ad appassionarsi quando parlava della Rai. “Oggi ci si entusiasma per il web, per Google o Amazon. Ma la tv pubblica – diceva – è rimasta l’unica difesa dei cittadini”.

Lo scorso anno, per il suo contributo, Ettore Bernabei ha ricevuto dal Moige (Movimento Italiano Genitori) il premio alla carriera per la sua tv “family friendly”

 



0 Replies to “Ettore Bernabei è morto, addio allo storico dg della Rai educativa”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*