Superquark puntata del 2 agosto dalla Thailandia ai Campi Flegrei


Piero Angela torna questa sera su Rai 1 alle 21:25 con una nuova puntata di Superquark. Conclusa la serie di documentari della BBC dal titolo "Occhio alla spia", questa sera si cambia rotta.

Piero Angela torna questa sera su Rai 1 alle 21:25 con una nuova puntata di Superquark. Conclusa la serie di documentari della BBC sulla vita degli animali, questa sera si cambia rotta.

L’appuntamento odiernosi apre con un documentario sulla Thailandia del Sud, una delle mete turistiche più note e apprezzate a livello internazionale.

Piero Angela ci porterà a scoprire soprattutto le bellezze naturalistiche della zona. Si parte dal parco nazionale di Kùi Bùri trasformato dalla mano dell’uomo da una fitta foresta in un ambiente ecologico di grande bellezza.

Piero Angela ne narra tutta la storia ricordando che il parco era stato per un certo periodo adibito a terra da coltivare ma successivamente è stato restituito alla sua vocazione naturale. Scopriremo anche gli elefanti asiatici che vivono nel parco e successivamente il conduttore compie un lungo viaggio nell’habitat sottomarino della Thailandia meridionale. Vedremo come questa zona sia un vero e proprio scrigno di scogliere coralline abitate da una varietà incredibile di specie differenti.

Il percorso iniziale di Superquark questa sera continua ancora nella Thailandia per farci conoscere ancora altre famose foreste note per la biodiversità.

Nella seconda parte invece il conduttore e divulgatore scientifico torna su un argomento purtroppo molto attuale: la tubercolosi, malattia che ha avuto una forte recrudescenza negli ultimi anni. Vedremo come si sta cercando di evitare una possibile pandemia che potrebbe interessare le future generazioni. Angela ci mostrerà come stanno lavorando i ricercatori e l’inviata del programma si recherà a visitare il sanatorio di Davos noto per essere stato descritto da Thomas Mann nel suo capolavoro “La montagna incantata“. Quell’ex sanatorio così degradato oggi è diventato un ospedale all’avanguardia dal punto di vista scientifico. Qui infatti sono accolti i pazienti affetti da batteri resistenti agli antibiotici.

superquark piero angela

E adesso anche Piero Angela affronta un argomento già molto battuto in televisione: i Campi Flegrei. Se ne era già occupato il geologo Mario Tozzi in una puntata di “Fuori luogo ed era tornato a parlare dei Campi Flegrei ma in una visione differente anche Duilio Giammaria nell’ultimo appuntamento di “Petrolio andato in onda in prima serata lo scorso 28 luglio.

Piero Angela dunque si occuperà del vulcano dei Campi Flegrei che sta cominciando a mostrare segni di attività. È l’occasione per capire come si tiene un vulcano sotto controllo.

Sempre in quest’ottica ecco il conduttore ad Ercolano per parlare dei papiri carbonizzati della cittadina sommersa dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dopo Cristo. C’è la possibilità che tali papiri possano essere adesso letti grazie alle tecnologie più avanzate. Sul tema parleranno esperti di papirologia e matematici.

Prosegue inoltre lo spazio dedicato alle bufale online con la rubrica “psicologia delle bufale” per capire anche meglio come sia possibile evitare le truffe sul web. Ne parla Massimo Polidoro del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale).

Per “dietro le quinte della storia” si parlerà del taglio di capelli, barba e baffi nel corso dei secoli.

Per “scienze in cucina” l’argomento su cui si indaga è la saliera, un oggetto molto noto sulle tavole imbandite dei secoli passati ma che oggi potrebbe essere accantonato.

Per “questione di ormoni” l’argomento è la contraccezione maschile.



0 Replies to “Superquark puntata del 2 agosto dalla Thailandia ai Campi Flegrei”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*