Spot in tv: il pesto “orgoglio” di Gerry Scotti


Analisi di una campagna pubblicitaria attualmente in onda sul piccolo schermo

Non è la prima volta che Gerry Scotti presta il proprio volto alla sponsorizzazione di un prodotto. In passato c’è stato l’omonimo riso Scotti,  e più recentemente la campagna per il Gran Ragù Star: in questi giorni estivi invece, il noto conduttore è testimonial per il GranPesto Tigullio. Lo è in realtà da alcuni anni, ma è a fine luglio che è stato rilasciato l’ultimo spot  da parte dell’azienda: lla Tigulli infatti, lancia sul mercato due nuove preparazioni.
Ancora una volta lo spot è completamente incentrato sul personaggio, conduttore amato dal pubblico televisivo e volto rassicurante per gli spettatori.

Abituati a vederlo nei quiz del preserale e nelle prime serate di Canale 5, per i telespettatori Gerry Scotti è ormai divenuto una presenza quotidiana che entra nelle case giorno dopo giorno. E se il volto è in questo modo divenuto familiare, cosa c’è di più ovvio che mostrarcelo a tavola?
Un po’ come lo zio intorno a cui si riunisce la famiglia: così il conduttore si accredita verso i potenziali clienti dell’azienda. Ecco dunque che prepara una pasta al pesto, da guarnire con una fogliolina di basilico.
Si punta sulla qualità del pesto, uno dei tanti simboli della cucina italiana: anzi, un orgoglio della cucina italiana. Non rimane quindi che annusarne l’odore, perché il basilico usato da Tigullio s caratterizza anche per il profumo intenso.

Lo spot mette in evidenza la genuinità degli ingredienti: tutte componenti semplici, e per questo trattate con la massima attenzione. Basilico fresco lavorato appena raccolto e parmigiano selezionato.
Infine, la pasta al pesto viene portata in tavola, per la gioia dei presenti. I commensali addirittura applaudono, tanta è la gioia di vedere arrivare Scotti con la pasta al pesto. A completare il quadro, il mare sullo sfondo: la terrazza in cui la famiglia siede affaccia proprio sul mare, elemento che richiama la patria del pesto al basilico, la Liguria. Naturalmente non può mancare un primo piano su una ragaza che mangia le trofie assaporandole con soddisfazione.
Scotti conclude dicendo che si tratta di un vero “trionfo” in tavola, a chiudere quanto già sottolineato dalla marcia che fa da colonna sonora. Infine, l’inquadratura sui vasetti delle due “nuove specilità”: pomodori secchi e pistacchi, olive e mandorle.

Come avveniva già per il Ragù Star, la scelta di Gerry Scotti come testimonial adempie a una duplice funzione: si cattura l’attenzione del pubblico offrendogli un personaggio amato, e nel frattempo quel personaggio diviene garanzia di affidabilità grazie alla credibilità conquistata in decenni di carriera professionale.



0 Replies to “Spot in tv: il pesto “orgoglio” di Gerry Scotti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*