Quelli che il calcio, Max Giusti è Elton John


La parodia dell'artista inglese proposta a Quelli che il calcio, dopo che il suo interprete, Max Giusti l'aveva portata per la prima volta al DopoFestival 2016


 Max Giusti, nella puntata del 13 marzo di Quelli che il calcio, ha proposto la parodia di Elton John. Il comico e attore, accomodato al pianoforte, nei panni dell’artista inglese, ha finto di essere ospite del talk show sportivo condotto da Nicola Savino e dalla Gialappa’s band.

 Giusti- Elton indossa un paio di occhiali scuri secondo lo stile del cantante inglese. Dopo aver eseguito un primo brano, Elton riceve una telefonata. Gli devono restituire un orecchino che non era neanche suo, era di Cristiano Malgioglio.

La parodia di Elton John era stata proposta per la prima volta al Dopofestival dell’ultima edizione della kermesse sanremese. Oggi Max Giusti l’ha portata anche nel contenitore calcistico della seconda rete con qualche battuta nuova. 

Come questa discutibile: vattene a Vancouver… che nasconde un altro significato. Il falso Elton adopera questa espressione anche in altri successivi interventi. Come ad esempio, quando viene interrotto da un goal dell’udinese che stava giocando con la Roma.

Poi Nicola Savino gli dice: “Elton, lei è qui per parlarci del suo tour. Intanto farà un concerto a Pompei”. E l’artista inglese: “si mi faccio interprete di tutte quelle famiglie che hanno gli intonati scrostati e gli affreschi che stanno cadendo a pezzi”. E quando sa che il problema non sono gli affreschi ma gli abitanti che sono morti, mostra un atteggiamento di grande dispiacere. “Ma sono morti tanti e tanti anni fa” gli fanno notare Savino e la Gialappa’s band.

Poi il falso Elton parla anche di Rocco Hunt e di Clementino. A che proposito? Ve lo facciamo scoprire.

Ecco il video con la parodia.



0 Replies to “Quelli che il calcio, Max Giusti è Elton John”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*