In viaggio con la zia dal 4 giugno su Rai 1 con Blady e Beshir


Tutte le anticipazioni sul nuovo programma del day time mattutino di Rai1 che sostituisce fino al 30 luglio, La prova del cuoco di Antonella Clerici.

Raiuno comincia con le sperimentazioni estive. In quest’ottica si inquadra il nuovo programma dal titolo “In viaggio con la zia” in onda ogni sabato alle 12:30 sulla rete leader di viale Mazzini. Al timone ci sono Syusy Blady e Livio Beshir. Il programma rimane in video fino al 30 luglio e occupa una parte del palinsesto che fu de La prova del cuoco. Infatti il Cooking Show di Antonella Clerici si conclude a fine maggio.

Si tratta di nove puntate in ognuna delle quali i due conduttori on the road porteranno i telespettatori in 9 città d’arte italiane Ve le elenchiamo in ordine di appuntamento in video: Firenze, Roma, Napoli, Torino, Bologna, Palermo, Milano, Venezia e Bari. Un excursus dunque da nord a sud che si propone di visitare le città in una maniera assolutamente non turistica.  Syusy Blady, abituata già in grandi viaggi in compagnia dell’ex consorte Patrizio Roversi, si rimette alla prova facendo quasi da Cicerone per i telespettatori e penetrando nei luoghi meno noti di ogni città: siti archeologici poco conosciuti, vicoletti delle città nelle quali il turista tradizionalmente non si reca, piccoli negozietti nei quali operano ancora gli artigiani, vecchie mercerie con pizzi antichi e abbigliamento vintage.

Insomma si ricerca l’aspetto più caratteristico di ognuno dei centri visitati.{module Pubblicità dentro articolo}

I telespettatori li vedranno inoltre entrare in musei assolutamente originali e fuori dal comune, in conservatori e scuole di musica dove si insegnano il canto e l’arte delle sette note in maniera del tutto singolare. In ogni città ne visiteranno anche i luoghi più misteriosi, i posti nei quali magari è accaduto un evento particolare. Ci riferiamo soprattutto a casi di cronaca o  ancora a luoghi nei quali magari sono state girate delle scene cult di film famosissimi.livio beshir in viaggio con la zia

I due conduttori scaveranno anche nel giallo insoluto che magari nasconde una città o un luogo periferico.

Insomma sarà un viaggio d’arte che, in qualche modo, sembra evocare alcune atmosfere del Voyager di Roberto Giacobbo.

Inoltre, nel corso di questo viaggio Syusy Blady e Livio Beshir incontreranno il critico d’arte Costantino D’Orazio. D’Orazio ha già collaborato con la Rai ed è noto perché organizza, da oltre 15 anni, visite in luoghi d’arte unici ed è curatore di mostre di arte antica e contemporanea, sia in Italia che all’estero. É dunque il personaggio giusto per i due conduttori che gli chiederanno aiuto per avere spiegazioni su determinati monumenti o su specifici siti archeologici nei quali si recheranno. {module Pubblicità dentro articolo}

Inoltre in ogni città incontreranno personaggi famosi ricollegabili al luogo nel quale si trovano.

Lo scorso anno Rai Uno aveva proposto il programma dal titolo “Italia da stimare” affidato a Massimiliano Pani e Marco Cerbella. I due conduttori andavano alla ricerca di mercatini dell’antiquariato e del modernariato da un capo all’altro dell’Italia.

In viaggio con la zia” sembra rievocare alcune atmosfere di questo appuntamento che tra l’altro è stato riproposto anche nel periodo tra Natale e Capodanno.



One Reply to “In viaggio con la zia dal 4 giugno su Rai 1 con Blady e Beshir”

  • Rosa

    Nella puntata su Roma ci sono informazioni errate su alcune cose: la metempsicosi dei pitagorici viene passata come un’anticipazione del cristianesimo. Il cristianesimo non parla di metempsicosi. L’altra è sulle figure angeliche. Gli angeli e le loro raffigurazioni sono molto più antichi di quanto presentano gli autori del programma. Li troviamo nell’area medio orientale ai tempi delle culture ugaritiche.

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*