Film in tv, Venere in pelliccia su Rai3


Va in onda, questa sera, su Rai3 in seconda serata, il film in prima visione tv Venere in pelliccia. Interpretato da Emanuelle Seigner e diretto da Roman Polanski, la pellicola è datata 2013 ed arriva per la prima volta sul piccolo schermo italiano dopo aver collezionato una serie di riconoscimenti tra i quali la nomination al Festival di Cannes del 2013.


 Va in onda, questa sera, su Rai3 in seconda serata, il film in prima visione tv Venere in pelliccia. Interpretato da Emanuelle Seigner e diretto da Roman Polanski, la pellicola è datata 2013 ed arriva per la prima volta sul piccolo schermo italiano dopo aver collezionato una serie di riconoscimenti tra i quali la nomination al Festival di Cannes del 2013.

 Accanto alla Seigner c’è l’attore Mathieu Amalric. E la caratteristica è la presenza sul set di sue soli interpreti. 

La storia inizia con Thomas un regista teatrale alle prese con una serie di provini per la ricerca dell’attrice a cui affidare il ruolo di Vanda nel suo adattamento per le scene del romanzo Venere in pelliccia di Leopold Von Sacher-Masoch.

Un giorno, quando oramai il tempo che le audizioni era ampiamente scaduto, si presenta in teatro una giovane attricetta di nome Vanda. Thomas la valuta subito: è assolutamente inadatta a ricoprire quella parte. L’unico filo rosso che la lega al personaggio del romanzo è il nome Vanda che hanno in comune.

 Ma la giovane insiste per essere ascoltata e messa alla prova. Alla fine il regista cede ed assiste ad una vera e propria metamorfosi di Vanda. Bastano poche battute per ricredersi sul conto dell’attrice e addirittura convincersi che nessun’altra potrà avere il ruolo di Vanda perchè nessun’altra può aderire come lei al personaggio. Ha così inizio un sottile e ambiguo gioco a due che sfocia in un altrettamto sottile gioco di seduzione. Thomas è sbalordito della performance di Vanda perchè ha trovato in lei tutto ciò che lui odia profondamente, in primis la volgarità. Ma non riesce a staccarsi da quella donna e soprattutto dalla sua recitazione.

 Tutto il cinema di Polanski è incentrato sull’ambiguità della vita e sul degrado che spesso si nasconde dietro apparenze di rispettabilità. Proprio come Vanda che incarna tutto il peggio, secondo Thomas.

Sulla scena si mescolano sentimenti di varia natura. Ma Polanski non perde mai di vista le atmosfere da commedia che percorrono la storia pur nei suoi momenti più intensi e drammatici.

Polanski, in questa occasione, sfruttando le potenzialità recitative di due attori come Seigner e Amalric, documenta, in tutte le sfumature possibili, l’incrocio tra sadismo e masochismo.

{module Pubblicità dentro articolo}

Ma l’importante aspetto di Venere in pelliccia è la capacità del regista di mettere a nudo non solo i corpi ma soprattutto le anime tormentate e torturate da una rappresentazione quotidiana ben più impegnativa: quella della vita.

Dopo il quartetto di Carnage Roman Polanski torna con un duo ad affrontare un testo teatrale; se infatti di base all’origine c’è il libro omonimo datato 1870 il film è l’adattamento per lo schermo di uno spettacolo di David Ives. 

{module Macchianera}



0 Replies to “Film in tv, Venere in pelliccia su Rai3”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*