Domenica Live Lory Del Santo e Donald Trump beautiful story


Continua la lunga telenovela raccontata da Lory Del Santo sulla sua conoscenza di Donald Trump avvenuta anni fa quando il personaggio era soltanto un miliardario e non il presidente degli Stati Uniti d'America


Continua la lunga telenovela raccontata da Lory Del Santo sulla sua conoscenza di Donald Trump avvenuta anni fa quando il personaggio era soltanto un miliardario e non il presidente degli Stati Uniti d’America. Anche oggi nel salotto di Domenica Live, Lory Del Santo ha raccontato per l’ennesima volta la sua beautiful story con il miliardario incontrato in un ascensore e con il quale avrebbe potuto instaurare perfino qualcosa in più di una semplice e fugace amicizia.

La storiella era stata già raccontata infinite volte in tutti i salotti televisivi e radiofonici. Perfino i più blasonati quotidiani di informazione hanno dedicato intere pagine a Lory Del Santo che ha così trovato una maniera semplice ed efficace per balzare di nuovo sotto i riflettori e farsi pubblicità. Certo ad ogni racconto la beautiful story si arricchisce di qualche particolare piccante. {module Pubblicità dentro articolo}

Oggi pomeriggio nel salotto di Domenica Live, accanto alla produttrice di The Lady ed ex viaggiatrice di Pechino Express c’erano tra gli altri Platinette, Alessia Macari e Floriana Secondi ex coatta del Grande Fratello.lory del santo domenica live

Questo segmento di Domenica Live è stato il più lungo ed il più “divertente” in assoluto con la protagonista tutta presa nel suo mancato ruolo di improbabile first lady americana e con Platinette che l’ha più volte rimbeccata ricordandole anche i suoi trascorsi. Tutto questo è servito a Barbara D’Urso per imbastire una sorta di tavolo di discussione incentrato sulla nuova moda “ricchi e cafoni”. Ovvero la padrona di casa ha voluto dimostrare come l’ostentazione del lusso da sempre praticata dal tycoon americano oramai sia diventata una regola anche nel nostro paese. Non a caso Rai 2 ha dedicato ai giovani ricchi uno speciale dal titolo “Giovani e ricchi” in cui i protagonisti erano trentenni pieni di soldi che con sfacciataggine ostentavano il proprio stato di milionari sui social networkrossano rubicondi maurizio costanzo show

E naturalmente la D’Urso ne ha approfittato per inviare Rossano Rubicondi negli Stati Uniti e farsi inviare un brevissimo messaggio da Ivana Trump. L’occasione è servita a Rubicondi per ricordare che proprio attraverso lui Ivana aveva telefonato al Maurizio Costanzo Show all’indomani della elezione dell’ex marito alla Casa Bianca. L’ostentazione del lusso ha avuto il suo punto più alto nella visita fatta all’interno del mastodontico aereo privato di Donald Trump nel quale gli elementi più poveri erano rappresentati dalle manopole dei lavandini del bagno in oro massiccio. E Lory Del Santo ne ha approfittato per lanciare un messaggio alla Trump: “recitare una parte nel prossimo sequel della sua web serie The Lady giunta alla terza stagione“. {module Pubblicità dentro articolo}

Tutto il resto è stato come al solito un insieme di segmenti dedicati ai vari personaggi dello spettacolo. In conclusione di puntata un altro pezzo forte: la presenza in studio della figlia di Bobby Solo accompagnata dalla mamma. Le due donne hanno avuto come interlocutore un avvocato che quasi non le ha fatte parlare.

Love story di puntata Natasha Stefanenko con il marito, Gianni Nazzaro e la moglie, Ilir Shaqiri e la sua famiglia. E poi in studio arriva la ex Cicciolina oramai una sessantenne Ilona Staller.

Infine nello spazio inziale dedicato al talk show politico l’argomento è stato la sicurezza di Milano, città allo sbando nella quale gli anziani vengono aggrediti e rapinati.



0 Replies to “Domenica Live Lory Del Santo e Donald Trump beautiful story”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*