logo

Nemicamatissima, la recensione

Sabato, 03 Dicembre 2016 00:35 - Scritto da 

 Una megacostruzione spattacolare che, purtroppo, fin dalle prime immagini, ha evidenziato una pericolosa debolezza strutturale. A poco sono valsi i "rinforzi"  apportati nel corso della puntata. Il primo appuntamento con Nemicamatissima in onda venerdì 2 novembre su Rai1, è iniziato in maniera debole: un dialogo fra le due protagoniste e padrone di casa Lorella Cuccarini ed Heather Parisi incentrato sulla loro presunta inimicizia di antica memoria.

 

L'idea di affidare alle show girl degli anni Ottanta due puntate all'insegna dell'amarcord rivisitato in chiave moderna, è stata realizzata con una grandeur solo estetica e non contenutistica. La cornice che ha accolto il varietà è quella del prestigioso Teatro 5 di Cinecittà sempre intriso delle atmosfere felliniane. Per renderlo adatto ad accogliere il programma, l'impegno economico è stato molto consistente. Ed in effetti il colpo d'occhio è di grande impatto. Ma i vari segmenti spettacolari non hanno avuto la medesima valenza. Innanzitutto si è rivelata inadatta la presenza di Lillo e Greg: i due comici sono stati protagonisti, da soli e in compagnia delle padrone di casa, di sketch ripresi dai loro programmi radiofonici, tra cui "610". Niente di originale, nessuna invenzione creativa, persino la riproposizione del Grande Capo Estiquaatsi che gioca sulla pronuncia in una sorta di doppio senso volgare. Il tutto per la promozione dei loro lavori al cinema e in teatro.

Molto debole è stato anche il monologo di Alessandro Siani: il comico, lo si ami oppure no, ha abituato il suo pubblico a ben altri contenuti. Qui solo una miscellanea di battute, quasi alla rinfusa, su svariati argomenti che hanno anche sfiorato la politica.

I motivi interpretati in coppia dalla Cuccarini e dalla Parisi avrebbero potuto rappresentare, per lo show, il valore aggiunto azzerato, purtroppo, dal play back che ha anche ridimensionato l'emozione dell'amarcord. Un amarcord che ha fatto capolino tante volte ma mai nella maniera giusta, salvo qualche eccezione, come ad esempio la riproposizione di una piccola parte del musical Grease con una Lorella Cuccarini che, bisogna riconoscerlo, non si è risparmiata ed è uscita vincente dal confronto con la "presunta" rivale.

Banale e penoso anche l'intervento di Ezio Greggio visibilmente in imbarazzo sugli schermi di Rai1. Privo del suo habitat naturale (Striscia la notizia) nel quale la dissacrazione è la cifra portante e vincente, Greggio ha tentato di "inventare" una comicità più nazional- popolare, cercando tra il pubblico improbabili sosia dei principali personaggi di Rai1 dalla Carrà a Vespa, da Carlo Conti a Giletti. Idea già sfruttata al tg satirico di Canale 5.

Ad eccezione di pochi spazi condivisi, le due padrone di casa sono state separate sul palcoscenico. Protagoniste di interventi singoli che hanno toccato anche la loro vita privata, la Cuccarini e la Parisi hanno tentato di lanciare messaggi positivi. La prima ha ribadito l'importanza da parte dei giovani di riconoscere l'autorità degli adulti, la seconda ha sottolineato di non essersi mai "rifatta la faccia".

Tr ospiti più o meno prestigiosi come Zucchero Fornaciari, Roberto Vecchioni e Amadeus, si è consumata non solo una serata di pseudo- varietà, ma anche una grande somma di danaro: quella investita da Rai 1 per la produzione delle due puntate di Nemicamatissima.

Letto 2274 volte Ultima modifica Sabato, 03 Dicembre 2016 00:48
Marida Caterini

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni  critico televisivo de Il Giornale d’Italia  con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama.

Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino,  Il Giornale.

Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione,  organizzato dall’Università La Sapienza di Roma.

Ha vinto  il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. . E stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana,  un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

Sanremo 2017 ecco il profilo dei 22 Big in gara e i brani che cantano

12-12-2016 Intrattenimento Alice Toscano

 Svelati, da Carlo Conti, nel corso della serata Sarà Sanremo, i nomi dei 22 Big che parteciperanno alla 67esima edizione...

Vai alla news

Sanremo 2017 ecco le otto Nuove Proposte

13-12-2016 Intrattenimento Redazione

 Nel corso della serata Sarà Sanremo, andata in onda lunedì 12 dicembre su Rai1 con la conduzione di Carlo Conti...

Vai alla news

Il commissario Maigret il nuovo interprete è Rowan Atkinson

12-12-2016 Soap e serie tv Lidia Lombardi

 “La voce di Simenon rimane forte. Imprime il suo sigillo a Maigret. Qualsiasi adattamento, anche meno fedele, non può affievolirla...

Vai alla news

Le fiction che vedremo: "C'era una volta Studio Uno" dal 13 …

12-01-2017 Soap e serie tv Serena Angelucci

Andrà in onda il 13 ed il 14 febbraio su Rai1 la miniserie dal titolo "C'era una volta Studio Uno...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo