Sanremo 2017, la conferenza stampa dell’ 11 febbraio


La conferenza stampa di Sanremo 2017 prima della finale

Nel corso della quarta puntata del Festival di Sanremo 2017, in onda ieri sera su Rai 1, Lele ha vinto tra i giovani. I big invece sono rimasti 16, dopo l’eleiminazione di Ron, Al Bano, Gigi D’Alessio e Giusy Ferreri.

Seguiamo ora in diretta la conferenza stampa di mezzogiorno. L’ultima prima della finale.

Apre il sindaco di Sanremo, che sottolinea l’importanza dei fiori per l’agricoltura e l’economia della città. Da sottolineare che Maria De Filippi non è presente neanche oggi: in sala stampa è stata vista una sola volta alla sala stampa dell’Ariston e una al Palafiori.

La parola passa ad Andrea Fabiano, direttore di Rai 1, per conoscere gli ascolti: “Il Prima Festival ha ottenuto il 26% di share, salito al 30% con le esibizioni dei giovani. La vittoria di Lele ha raggiunto il 53% di share. Lo share della puntata ha sfiorato il 47%, siamo in linea con i valori dell’anno scorso: si sono soffermati sul Festival circa 25milioni di spettatori: una conferma dello straordinario successo dei festival di Carlo”.Questi i picchi d’ascolto: la copertina di Crozza quasi 14milioni di spettatori, picco di share al 56%, alle 00.07, con la consegna del premio a Moroder. L’intervento di Virginia Raffaele ha alzato lo share dal 45% al 48%. Il Dopo Festival ha sfiorato il 40% nella prima parte, quella trasmessa prima del tg.

Carlo Conti: “Innanzitutto voglio fare un ringraziamento ai vigili urbani e alla polizia municipale, che stanno lavorando in giornate particolarmente intense. Stasera ci saranno Zucchero, Alvaro Soler, Diana Del Bufalo, Giusy Buscemi, Alessandra Mastronardi, Amara e Paolo Vallesi, Carlo Cracco, Enrico Montesano, Geppi Cucciari. Poi il pianista Emanuele Fasano, protagonista di un video diventato virale, è stato scoperto per caso: racconterà la sua storia molto particolare. nella prima parte della serata, i Ladri di Carrozzelle“.
Sollecitato da Paolo Giordano de Il Giornale, Conti riflette sull’eliminazione di un big come Al Bano: “io confido sempre in quello che succederà dopo. Non credo che questo scoraggerà altri big a partecipare il prossimo anno: è semplicemente la classifica del Festival”. Nando Pagnoncelli spiega che è stato un verdetto molto sofferto, in quanto le distanze erano ravvicinate. Riguardo invece il video di Gigi D’Alessio girato subito dopo l’eliminazione, il conduttore racconta che in realtà, si tratta di un tormentone con cui tutto il gruppo ha scherzato durante i giorni della kermesse: “Non dico che non ci sia rimasto male, ma c’è sicuramente un elemento di goliardia”. Che ieri sia andata in scena una “rottamazione”? “Questione di gusti: alcuni sapori sono piaciuti più di altri. La sera prima erano state eliminate due coppie composte da ragazzi molto giovani”.
“Le storie -prosegue- ci sono sempre state: abbiamo sfruttato la capacità di Maria. Io vedo molte analogie rispetto agli anni passati: per me l’obiettivo è proporre buone canzoni e fare buoni ascolti”. Nessun punto debole, secondo Conti: “A dimostrazione della grandezza dell’artista e di quanto sia severa con se stessa, apprezziamo che a Raffaele non sia tornata con un personaggio già fatto”. Alle critiche sugli interventi comici, Conti si limita a rispondere con un “sono gusti”.

Si parla dei voti, ma ancora non si possono conoscere i dati fino a domani. Fabiano però anticipa che c’è stato un incremento dei televoti, forse dovuto alla diminuzione dei costi.

“Il primo anno -svela Conti- ho avuto delle chiusure per i cantanti. Quando sono arrivato, tutti si aspettavano la nostalgia: mi sono autocensurato e ho messo una srta di barriera ad alcuni cantanti, poi ho capito che dovevo allargare il più possibile le maglie di questa rete. nememno a me piacciono tutte le canzoni in gara allo stesso modo”. La giuria di qualità va pure nella stessa direzione: più variegata possbile, in modo da avere persone con gusti diversissimi tra loro “perché è nella varietà die giudizi che viene fuori il verdetto più giusto”. viene sottolineato più volte quanto sia importante “dare il maggior numero di colori possibili”: ” Per me sono tutte canzoni che meritano di stare su quel palco: se dovessi dare un voto,  sarebbero tutte tra l’8 e il 10″.

Salta la presenza di Milly Carlucci, che è concentrata sulla preparazione della prossima edizione di Ballando con le stelle: ci sarà però il lancio del programma ballerino.

La conferenza stampa si conclude qui: l’appuntamento è per questa sera su Ra 1 e poi, ancora, a notte fonda per la conferenza con il vincitore.



0 Replies to “Sanremo 2017, la conferenza stampa dell’ 11 febbraio”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*