Zecchino d’oro: è come Ti lascio una canzone, accusa Cino Tortorella


Polemiche sullo Zecchino d'oro in tv


E’ in arrivo, come ogni anno lo Zecchino d’oro, unica manifestazione italiana durante la quale i bambini cantano canzoni adatte alla loro età. L’appuntamento in tv è dal 20 al 23 novembre alle ore 17 e il 24 per la finalissima, alle 17,10, sempre su Rai1. A condurre, quest’anno ci sono Pino Insegno e Veronica Maya. Ma sulla manifestazione si abbattono le polemiche. Cino Tortorella, l’ex mago Zurlì degli anni ’60 e ’70 che ha condotto per anni la gara canterina, lamenta una omologazione della trasmissione con altri format per adulti.

 Tortorella, infatti afferma: “stanno tentando di far diventare lo Zecchino d’oro come Ti lascio una canzone, format contrario agli ideali e ai principi della nostra manifestazione. Ancora oggi io ricevo tante segnalazioni e lamentele da parte di genitori che condividono le mie stesse perplessità e vorrebbero far sentire la propria voce per impedire che si sfruttino in questo modo i bambini. Naturalmente io sono dalla loro parte e condivido la loro rabbia, ma l’aspetto assurdo di questa strumentalizzazione dei bambini ad uso e consumo di una tv per adulti, è che nessuno reagisce.

Sono già tre anni che lotto affinchè lo Zecchino d’oro torni alla sua formula tradizionale e non sia una fotocopia di Ti lascio una canzone e di altri programmi nei quali i bambini cantano canzoni non adatte alla loro età. Ma la mia è una guerra contro i mulini a vento. Eppure lo Zecchino d’oro è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio mondiale per la cultura di pace di cui è sempre stato portavoce. Infatti la manifestaione ha raccolto fondi per beneficenza utilizzati davvero in tutto il mondo per la realizzazione di opere umanitarie e sociali destinate soprattutto ai bambini”.

Poi Cino Tortorella continua:  “trent’anni fa, quando ancora non esistevano nè l’Auditel nè trasmissioni come Ti lascio una canzone, il giornalista,Furio Colombo,  scrisse che i bambini dello Zecchino d’oro erano trattati come merce e che il programma doveva essere visionato da uno psicologo e immediatamente bloccato. Ebbene, io a mie spese, mi rivolsi ad un noto psicologo e chiesi che esprimesse un parere. Naturalmente fu favorevole. Che direbbe, oggi, Furio Colombo, dinanzi al dilagare di questa strumentalizzazione vera di bambini a fini di audience, in programmi per adulti? Persino Aldo Grasso, il critico tv del Corriere della sera, ha scritto “lunga vita allo Zecchino d’oro”.

Infine Cino Tortorella conclude: “la Rai ha cancellato tutti i programmi destinati ai bambini. E non ci sono più neanche le trasmissioni per ragazzi e famiglie. Oggi esistono solo format che sono adattabili a qualsiasi tipologia di bambini e non rispecchiano invece, le realtà locali in cui si vive. Una volta la Rai realizzava programmi per bambini italiani che avevano come punto di forza l’interazione tra gli under quindici. Oggi tutto è sparito”.



0 Replies to “Zecchino d’oro: è come Ti lascio una canzone, accusa Cino Tortorella”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*