Settimana tv 10-16 dicembre il meglio e il peggio della programmazione


I migliori ed i peggiori programmi andati in onda durante la settimana appena trascorsa.


La settimana scorsa ci sono stati i fuochi di artificio con la chiusura del Gf Vip (31% di share contro il 26% del 2016 e 5 milioni e mezzo telespettatori di media per la finale) e di Tù sì que Vales di sabato scorso (5.299.000 spettatori pari al 27,4% di share, diventato 29% con la buonanotte, un leggero incremento rispetto ai 5,1 milioni di spettatori e 27,5% della scorsa edizione)

In questi sette giorni c’è stata un’altra chiusura di stagione con un’attesissima finale in cui sono usciti battuti i grandi favoriti (Maneskin).

Si tratta di X Factor, l’edizione numero 11, quella dei record da quando è diventato un’esclusiva del gruppo Sky.  La finalissima del talent show prodotto da FremantleMedia Italia è stata seguita su Sky Uno/+1 HD, TV8 e Cielo da 2.783.749 spettatori medi, con share totale dell’11,23%. La finale più vista su Sky, in crescita del +22% rispetto a quella del 2016.

Il picco di share è stato registrato alle 23:37, in corrispondenza della proclamazione del vincitore, con il 16,19% di share, mentre il picco di spettatori si è registrato alle 22:38 con 3.072.683, subito dopo l’esibizione di Lorenzo Licitra (il vincitore) con il suo medley. Un successo anche sui social, alla radio con Rtl 102.5 partner e per il pubblico della fascia 15-54, la più interessata alla finale con il 17,74% di share.

Si è conclusa anche la Strada di Casa, una fiction che ha dato lustro a Raiuno in questa sua prima stagione. Così come sta andando benissimo Scomparsa (lunedì scorso ha sfiorato i 7 milioni di spettatori e il 28% di share).

Raiuno applaude anche il ritorno a L’eredità di Fabrizio Frizzi, tornato in sella dopo il malore. Mentre per Domenica In è arrivato un brodino caldo, qualche punto in più di share grazie alle ferie natalizie di Barbara d’Urso.

Canale 5 festeggia al “bacio” i successi del Gf Vip e Verissimo con tanto di posa bocca a bocca tra Ilary Blasi (che ormai bacia tutti) e Silvia Toffanin. Mentre non merita certo un bacio la fiction Le tre Rose di Eva 4, piuttosto lontana negli ascolti rispetto alle fiction migliori del Biscione.

Ma il vero mattatore della settimana è stato Renzo Arbore. Il suo Indietro Tutta 30 e l’ode, con Nino Frassica e Andrea Delogu, ha fatto faville: ha sfiorato i 4 milioni di telespettatori e il 20% di share. Ha battuto nettamente perfino due competitor super quotati come Paolo Bonolis (15% per Music, poco se si considera la qualità del programma) e il Milan in Coppa Italia. Da notare che Raidue il 20% in prima serata non lo centrava da tre anni.

Una citazione la meritano come sempre le Iene che continuano a macinare inchieste e scoop. Ora hanno tirato fuori dal cilindro magico la confessione di un cameriere che afferma di aver subito abusi da un noto cantante più di vent’anni fa. Chissà se prima o poi non uscirà pure il nome… Intanto le Iene si godono un bell’11,2% che al martedì vale più dei talk di Floris (5,2%) e della Berlinguer (3,9%) messi assieme.

A proposito di talk, un applauso a Maurizio Costanzo che con il suo show ha chiuso la stagione autunnale e a Corrado Formigli che non ci vuole stare a perdere il derby in casa a La7 con Massimo Giletti e Giovanni Floris. Ormai tutti e tre veleggiano intorno al 6%, un ottimo risultato per la tv del patron Urbano Cairo e del direttore Andrea Salerno.



0 Replies to “Settimana tv 10-16 dicembre il meglio e il peggio della programmazione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*