Da Clooney a Brad Pitt: testimonial da milioni di dollari


riflessioni sui testimonial pubblicitari hollywoodiani

Star hollywoodiane che attraversano l’Atlantico, arrivano in Italia e, in cambio di una parola pronunciata, di un sorriso a trentadue denti, di una poesiola declamata malamente, intascano compensi milionari. Giusto per “arrotondare” i già pingui cachet che incassano con la loro professione di attori. Così ci siamo visti piombare in casa un George Clooney che, dai tempi del No Martini, no party, ha pensato bene di mantenere in Italia non solo il pied a terre della villa sul lago, ma anche un piede nella pubblicità.

 Da oltre oceano abbiamo visto sbarcare sull’italico suolo anche Julia Roberts e recentemente Brad Pitt. Un tris d’assi per il mercato pubblicitario che, naturalmente, ha una platea internazionale molto più ampia di quella italiana. Tutti divi di poche parole, ma di molti contanti, bisogna dirlo. Il bel George, dall’alto del suo mezzo secolo di età ammicca sempre deliziosamente quando pronuncia l’unica parolina “Immagina” per un’azienda di telefonia mobile. E non si spreca molto di più neanche quando è il testimonial di una casa automobilistica.

Il fatto è che per quelle due parole, pronunciate in contesti differenti, l’ex fidanzato di Elisabetta Canalis, intasca una somma incredibilmente alta di denaro. Maggiore anche del cachet conquistato facendo il testimonial del Nespresso, pubblicità con la quale sta imperversando di nuovo sui nostri schermi.

{module Google richiamo interno} A impegnarsi meno di lui, solo Julia Roberts, che qualche tempo fa è passata dall’Olimpo hollywoodiano al Paradiso nazional-popolare di casa nostra, abitato dalla premiata ditta Paolo Bonolis e Luca Laurenti che reclamizzava una nota marca di caffè. L’indimenticabile interprete di Pretty woman non diceva neppure una parola. Si limitava a sfoggiare un sorriso a trentadue denti che le ha fatto incassare la bellezza di un milione di euro tondo tondo.

Un milione per un sorriso, dunque. Quanto tempo è passato da quando ci volevano solo cinquemila lire per un sorriso, come recitava lo slogan delle primissime edizioni di Miss Italia. Deve aver capito Julia Roberts che il silenzio è più incisivo di qualsiasi parola e non ha trovato di meglio che  mettere il proverbio italiano in pratica proprio nel nostro paese.

Per non parlare di Brad Pitt: recita a mezza bocca una cantilena per una notissima marca di profumo femminile, sicuro di rappresentare anche nella pubblicità un sex symbol. Invece è incredibilmente banale, dà quasi fastidio, e chissà quanto ha chiesto come compenso.

Il fatto è che oggi anche la pubblicità si è internazionalizzata ed è divenuta molto più sofisticata e patinata ripetto al passato. Quindi per marchi non solo italiani, le case di produzione ricorrono ad un unico testimonial conosciuto a livello planetario che non solo viene pagato profumatamente, ma approfitta dello spot per rinverdire la sua fama passando di nazione in nazione.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Da Clooney a Brad Pitt: testimonial da milioni di dollari”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*