Eva Riccobono, madrina di Venezia 70 tra cinema e tv


Ritratto della top model Eva Riccobono


Una vita tra passerelle, cinema e televisione, e ora madrina della 70esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: è Eva Riccobono, impegnata in questi giorni nella kermesse cinematografica. Di lei parlano tutti i media e le sue foto sul web sono cliccatissime. Ma chi è questa statuaria bellezza dai tratti nordici, ma meridionale, rappresentante della moda e della bellezza made in Italy nel mondo?

Chi segue il mondo della moda la ricorderà senza dubbio come una delle più famose top model internazionali, musa di Dolce&Gabbana nella campagna pubblicitaria insieme a Naomi Campbell. Tutti gli altri invece, avranno sicuramente avuto modo di notarla durante le sue apparizioni televisive, persino come conduttrice.
Classe 1983, siciliana, quella della Riccobono è una carriera costellata di successi durante la quale la famosa top model non si è risparmiata nemmeno una incursione nel mondo delle sette note.
Occhi azzurri, capelli biondi, caratteristiche più nordiche che meridionali, la Riccobono inizia la sua carriera in Sicilia, dove partecipa a diverse sfilate. Ancora giovanissima, a 19 anni, si trasferisce a Milano, città della moda per antonomasia.  Qui la sua carriera subisce un’impennata al punto da conquistare le copertine di Vogue, GQ, Vanity Fair, Cosmopolitan; calca le passerelle più importanti, sfila per stilisti come Ferré, Trussardi, Dolce&Gabbana, Valentino e Armani,  solo per citarne alcuni.
Fotografata da Max Weber, nel 2003 posa per il calendario Pirelli; nel 2009 invece viene ritratta in una Venezia deserta dalla fotografa Annie Leibovitz per il calendario Lavazza.
Ma la parabola ascendente della modella non si ferma qui: è il 2002 quando Fiorello la vuole nel suo show Stasera pago io…in euro, e lei, dalle passerelle, approda alla prima serata della prestigiosa Rai1. Il gradimento della platea generalista è immediato. E lei si concede ancora al piccolo schermo. Tra le apparizioni successive, eccola come membro della giuria tecnica a Miss Italia 2011 e come ospite in alcuni programmi Rai. Il suo mentore televisivo nonché conterraneo Fiorello, la vuole di nuovo al debutto de il più grande spettacolo dopo il week end. Non finisce qui, perché nel 2012 arriva la vera consacrazione televisiva, quando le viene affidata la conduzione di un programma di divulgazione scientifica intitolato Eva e trasmesso da RaiDue.
Nel frattempo la carriera della Riccobono aveva incrociato anche il cinema: nel 2008 infatti, Carlo Verdone l’aveva voluta per il suo Grande, grosso e verdone per interpretare il ruolo di una sofisticata donna francese, Blanche Duvall. In realtà poi, nel corso del film, si scoprirà che la sofisticata donna francese altri non è che una prostituta.
Nuovo film, parte simile: nel 2011 interpreta ancora una prostituta nella pellicola E la chiamano estate di Paolo Franchi.
A livello cinematografico però, il lavoro che le regala la soddisfazione professionale più grande, è Passione sinistra di Marco Ponti, che le è valso il premio Ciak d’oro come miglior attrice non protagonista e una candidatura ai Nastri d’argento nella stessa categoria.
Poteva infine mancare la musica? Certo che no, così nel 2009 la poliedrica modella si è concessa un brano in coppia col compagno Matteo Ceccarini, Labbra.
E’ la ciliegina sulla torta di una lunga carriera costellata di successi, a cui adesso si aggiunge il ruolo di madrina della mostra del cinema di Venezia. E dire che la Riccobono ha solo 30 anni…



0 Replies to “Eva Riccobono, madrina di Venezia 70 tra cinema e tv”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*