L’Isola dei Famosi 11, il trash della finale


I momenti più singolari visit nel corso dell'appuntamento finale con il reality di Canale 5

L’undicesima edizione de L’Isola dei Famosi è ormai un ricordo: si è infatti conclusa ieri sera, con la vittoria del pugile Giacobbe Fragomeni. Una storia di riscatto, hanno ripetuto continuamente in studio, ma anche uno dei concorrenti più anonimi visti quest’anno: sempre defilato, mai una presa di posizione, è pressoché passato inosservato. Eppure, alla fine, ha vinto in maniera schiacciante su Berami, che invece di visibilità ne ha avuta molta: evidentemente troppa, visti i modi arroganti che ha dimostrato di possedere.

{module Pubblicità dentro articolo}

È proprio all’attore spagnolo che si deve uno dei momenti più trash della puntata: durante il collegamento infatti, Berami non ha nascosto di dover andare in bagno con una certa urgenza. Con il passare dei minuti il ragazzo non ce l’ha fatta più, ma la Marcuzzi non se ne era accorta: la Venier invece, non si è lasciata certo sfuggire un dettaglio tanto colorito, fino a quando si è deciso di mandare la pubblicità per consentirgli di “tranquillizzarsi”. Un’operazione che, temporeggiando quanto basta, si poteva compiere anche senza metterne il pubblico necessariamente al corrente.
Ieri la sua dose di trash l’ha sfoggiata anche la conduttrice: il suo sembrava un normale vestito lungo con un ampio spacco. Invece, visto di fianco, lo spacco arrivava al sedere e lasciava intravedere un inizio di sedere: sarà anche come dice Signorini, che se lo possono permettere in poche, ma il buon gusto abita sicuramente altrove.

La puntata è poi proseguita tra noia e collegamenti che funzionavano meglio dall’Honduras che tra lo studio dell’Isola e il laghetto di Milano 2, e pure se la Marcuzzi lo chiamava “Milano dos”, sempre a pochi passi stava.

isola finale caruso studio

Altro momenti memorabili ce li hanno regalati l’ingresso dei naufraghi in studio. Perché saranno provati, nessuno lo nega, ma ogni volta viene sfoggiata la solita retorica di chi sembra abbia combattuto in guerra e non vede i sui cari da tempi immemori: invece sono solo due mesi. Così la Caruso piange disperata alla vista di Cappuccino, il suo cavallo. Di lì a breve avrebbe incontrato anche Camillo, l’altro. Non era chiaro se fosse più surreale l’inquadratura in sé, con lei disperata che accostava il viso a quello del cavallo, o il fatto che piangesse per il cavallo e non per i parenti.
Fatto sta che la Venier non ha perso occasione per sottolineare che chi ama gli animali sia più sensibile degli altri. A parte che non risulta che i criminali non abbiano animali domestici, ma se si parla di amore, allora bisognerebbe pure puntualizzare che quei cavalli erano stati trasportati inutilmente dalla Calabria a Roma per un breve attimo televisivo.
Comunque, in studio, la Caruso ha anche precisato che “io e Aristide non abbiamo fatto quella cosa”.

isola finale bosco

Impossibile poi dimenticare l’ingresso di Bosco, l’amico di Berami: in cima alla scalinata con una tunica addosso, e senza nemmeno essere un concorrente. In pratica, uno che è riuscito a diventare la star dello show senza nemmeno patire la fame in Honduras.
Commuove invece Marco Carta, la telefonata di Maria de Filippi: la conduttrice si scusa per essere stata meno presente negli ultimi tempi. In particolare riguardo l’invito al suo compleanno, che aveva però ricevuto con molto piacere. Un aneddoto che attesta che la De Filippi è una di noi: pure lei visualizza senza rispondere su What’s App.
Alvin invece, giusto per smentire gli stereotipi, al rientro ha subito detto che in Honduras non si mangia come in Italia. La Marcuzzi gli ha dato del “vincitore morale”, un titolo che non si nega a nessuno.

La puntata si è conclusa all’una di notte, con tanto di selfie di gruppo a mezzanotte e mezza e pubblicità invadente dall’inizio alla fine.



0 Replies to “L’Isola dei Famosi 11, il trash della finale”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*