logo

I Medici, la recensione

Martedì, 18 Ottobre 2016 23:50 - Scritto da 

Gli sceneggiatori hanno voluto usufruire della macchina del tempo andando avanti e indietro di venti anni nel racconto della storia de I Medici, la potente famiglia di banchieri fiorentini. Primo risultato deludente: una evidente difficoltà di comprensione nello svolgersi degli eventi per il normale telespettatore che può avere un attimo di distrazione e non accorgersi della scritta che avverte del salto temporale.

 Scelta davvero incomprensibile. Bastava un solo flash back, ne abbiamo visti invece troppi che hanno appesantito lo schema narrativo.

Ci si attendeva qualche riguardo in più nei confronti di una famiglia potente che ha segnato, con la sua passione per l'arte, il passaggio dal Medioevo al Rinascimento. Invece la serie I Medici di cui è andata in onda martedì 18 ottobre, la prima puntata, ha mostrato, nonostante un budget elevato, una superficialità contornata dagli elementi più sfruttati della fiction non solo italiana.

I Medici è una co-produzione internazionale. La Lux Vide, partner italiano, non poteva da sola sostenerne i costi. Ma quando ci si rivolge all'estero, bisogna sottostare a dei dictat, tra i quali il più frequente è la trasformazione della storia in una sorta di soap opera. Purtroppo le contaminazioni rischiano di stravolgere i personaggi e quanto rappresentano. 

E' accaduto con I Medici come per altre fiction targate Lux Vide.

i medici cast

Intanto tutta la storia vive in atmosfere abbastanza cupe, più medievali che rinascimentali: anche i costumi rispecchiano tale sensazione. E l'ambientazione, nonostante le riprese si siano svolte sui luoghi veri dove sono accaduti i fatti, è apparsa superficiale. Insomma si è fatto il minimo sindacale per la credibilità della fiction. A confronto, la serie I Borgia, produzione della Showtime, mandata in onda da Sky Atlantic, sembra oggi molto più raffinata e curata nei particolari. 

Un discorso a parte merita la prova d'attore degli interpreti. Solo la presenza di Dustin Hoffman nel ruolo del patriarca Giovanni de' Medici, riesce a salvare lo stato quasi comatoso di una recitazione appesantita ancor di più da un doppiaggio inadatto e monotono. Sarebbe stato meglio ricorrere ai sottotitoli.

Il ruolo di Cosimo, il figlio di Giovanni, affidato a Richard Madden, è stata un'altra delusione. La staticità espressiva dell'attore, adatta al Trono di spade ma non ad una serie con pretese culturali, non ha reso onore al personaggio che ha avuto nella realtà fiorentina e non solo, un'importanza e uno spessore di grande rilievo.

E' necessario stendere un velo pietoso sulla performance di Miriam Leone, interprete perfetta per Puente Viejo ma non per la Firenze rinascimentale. Paradossalmente i ruoli secondari sono apparsi più convincenti: il personaggio di Marco Bello, ad esempio, (Guido Caprino) ha evidenziato una discreta credibilità rispetto all'immobilismo corale. Alessandro Preziosi non supera l'esame nella parte del grande Brunelleschi.

 

Letto 11724 volte Ultima modifica Mercoledì, 19 Ottobre 2016 09:08
Marida Caterini

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni  critico televisivo de Il Giornale d’Italia  con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama.

Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino,  Il Giornale.

Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione,  organizzato dall’Università La Sapienza di Roma.

Ha vinto  il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. . E stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana,  un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

20 commenti

  • Link al commento Pia Esse Venerdì, 04 Novembre 2016 11:38 inviato da Pia Esse

    I de' Medici sono stati grandissimi e questo è un fatto. La fiction che li vorrebbe celebrare è imbarazzante tanto è stupida e falsata... a cominciare da Giovanni, che morì serenamente nel suo letto e continuando con Rinaldo degli Albrizzi che non era affatto quel mostro di cattiveria, codardia e scarsa intelligenza che viene rappresentato: al contrario è stato un finissimo, colto e preparatissimo diplomatico oltre al fatto che non è morto ucciso dai sicari di Cosimo ma anche lui, come Giovanni, si è serenamente spento in età, per i tempi, avanzata. E non continuo per carità cristiana...Possibile che per la RAI il popolo italiano sia composto da gente ignorante manipolabile in qualsivoglia modo? Pia

    Rapporto
  • Link al commento Mari Giovedì, 03 Novembre 2016 00:33 inviato da Mari

    Questo mio commento è dettato da impressioni e sensazioni personali, quindi non parlerò con competenza...tuttavia, tengo ad esprimerlo per il semplice motivo che potrei dar voce a chi la pensa come me....ed io penso che la serie in questione sia molto bella e profonda.... intrisa di sentimenti nobili e vili allo stesso tempo ,così come deve essere....altrimenti non sarebbero umani i personaggi interpretati. Qualcuno qui ha scritto che Cosimo non ha espressività, non mostra sentimenti.... Ebbene, non concordo: gli occhi dell'attore, che interpreta lo storico personaggio, parlano ed esprimono tutti i sentimenti di un uomo che vorrebbe urlarli al mondo, ma che è schiavo di un'educazione, retaggio dell'epoca, che considera manifestazioni emotive come segno di debolezza. Qualcuno ha scritto che non comprende l'esibizione della nudità di Lorenzo nei riguardi di Contessina. ..Esprimerò la mia personalissima interpretazione: Lorenzo ,verso sua cognata, mostra senso di competizione misto a grande rispetto ( nella realtà storica, darà a sua figlia il nome di Contessina). Nella puntata in questione, Lorenzo si scontra aspramente con Contessina che oppone resistenza alla vendita dei lanifici. Questa conseguente esibizione della sua nudità, io la leggo come stupido tentativo maschile di ricordare alla volitiva cognata che lei è "soltanto" una donna e quindi deve rispettare scelte e decisioni dei maschi della famiglia. E Contessina ( personaggio stupendo) mostra tutto l'attaccamento possibile a questa famiglia, arrivando a mettere da parte , svariate volte, orgoglio e desideri personali. Piero ( Il gottoso, nelle memorie storiche) rispecchia, a mio parere, quello che deve essere stato all'epoca il cagionevole figlio di Cosimo. Per quanto concerne abbigliamento e trucco dell'epoca, documenti di quel secolo, quadri compresi, attestano che non vi è discrepanza tra ciò che era e ciò che viene rappresentato in questa serie. Le musiche della colonna sonora potrebbero apparire un pochino moderne a qualcuno, ma trovo, invece, che diano un tocco di originalità al contesto. Potrei criticare il fatto che Firenze non è perfettamente raffigurata come era realmente in quegli anni, oppure che il secondogenito di Cosimo e Contessina non sia menzionato...o , ancora, che , nella realtà, Giovanni muoia nel mese di febbraio ( di morte naturale)...mese in cui è impossibile trovare uva sulle vigne....ma sapete cosa penso? Penso che , se desiderassi una perfetta rappresentazione storica della saga dei Medici, andrei a cercarmela nelle enciclopedie e di certo non la pretenderei da una fiction. Io mi godo questa serie TV, reinterpretata ( anche la reinterpretazione è forma d'arte,insieme ai milioni di telespettatori che , in barba alle critiche negative ,la seguono ogni martedì sera. Perdonate la lungaggine. ...

    Rapporto
  • Link al commento Yuri Domenica, 30 Ottobre 2016 15:43 inviato da Yuri

    Sicuramente ci sono errori storici, ma quale serie non ne presenta? Questa serie non deve raccontare la Storia per filo e per segno, teniamo presente che è romanzata, deve interessare il pubblico. Per quanto riguarda i costumi, ho letto da qualche parte che creano un'atmosfera molto dark, ma non dimentichiamo che, almeno nelle prime puntate, la famiglia è in fase di lutto. Per quanto riguarda i flashbacks, non so, a me piacciono (una questione di gusti) e non penso siano confusionari. E' vero che è molto americanizzata come serie, ma è in co-produzione, non dimentichiamolo. Anche quando non leggo la scritta mi rendo subito conto che siamo nel passato, andiamo, basta guardare i personaggi. Sicuramente molte delle critiche sono condivisibili, ma a volte mi sembra che siano per partito preso. La RAI non dispone certo del budget dei produttori americani, è una televisione pubblica, deve sottostare a certe censure e a certi limiti e, soprattutto, non si rivolge allo stesso pubblico delle serie americane. Stiamo parlando del pubblico italiano che ha amato una serie come Non dirlo al mio capo, a dircela tutta (non per generalizzare he). Per quanto riguarda l'orario in cui va in onda la serie....mi sembra una critica inutile. La rai ha sempre messo la prima serata alle 21:30 praticamente, non vedo perché non debba farlo adesso. Ripeto, mi sembra che in molti si siano scagliati animatamente contro la serie tanto per. Ci sono tante cose da migliorare, ma personalmente io apprezzo lo sforzo di produrre qualcosa di diverso.
    P.s. Spero di non aver offeso nessuno, era solo la mia opinione.

    Rapporto
  • Link al commento Ravecca Massimo Sabato, 29 Ottobre 2016 10:37 inviato da Ravecca Massimo

    L'episodio narrato nell'ultima puntata, storico o meno non so, in cui
    Cosimo porta i malati di peste in Duomo per dargli un riparo, ma
    soprattutto per impedire agli operai istigati da Albizzi di demolire la
    cupola del Brunelleschi appena iniziata, mostra le caratteristiche del
    genio. Che spesso si basa e si manifesta attraverso procedimenti
    inclusivi e speculari. Lo stesso fece Brunelleschi con le sue tavole
    prospettiche, purtroppo perdute, in cui unificò il punto di fuga e di
    vista. Si comportò allo stesso modo. Cfr. ebook/kindle. Tre uomini un
    volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo / Leonardo e Michelangelo: vita e opere.

    Rapporto
  • Link al commento gianni Giovedì, 20 Ottobre 2016 20:45 inviato da gianni

    Ero molto curioso di vedere questa serie ma, già dalla sigla iniziale (ridicola e fuori luogo), prima che cominciasse la visione, è arrivata la prima delusione. Non parliamo poi dei dialoghi scadenti, del trucco e delle pettinature che sembravano attuali e della scadente e meschina interpretazione del Brunelleschi che entrata in scena in modo palesemente finto e irreale dicendo:.... "io sono un genio" -.... (cose da pazzi, non riuscivo a credere che avesse detto questa frase demenziale), sinceramente ho provato ribrezzo e indignazione nel vedere e sentire recitare Preziosi nei panni del sommo architetto letteralmente banalizzato ; non riuscirò a seguire con interesse le altre puntate se il livello sarà scadente come la prima.

    Rapporto
  • Link al commento lara Giovedì, 20 Ottobre 2016 11:54 inviato da lara

    non posso non concordare in pieno con questa recensione! io amo la storia di Firenze e sogno di essere appartenuta a quell'epoca, ma il ritratto di Cosimo e Lorenzo mi ha fatto addormentare...
    non ho apprezzato la lentezza della narrazione, l'atmosfera buia, che fa sembrare il paragone con Roma ancora più triste la città di Firenze.
    gli autori dovevano guardarsi gli scorci appena accennati di "Inferno" di Ron Howard e avrebbero imparato qualcosina...

    Rapporto
  • Link al commento Guido Mercoledì, 19 Ottobre 2016 21:14 inviato da Guido

    Una delle poche recensioni obiettive e condivisibili che si possano leggere in rete. Diciamocelo: I Medici è un disastro. Sbagliati gli attori (tranne Hofmann, ma vorrei vedere il contrario!), sbagliati i costumi, sbagliati i dialoghi, sbagliata in toto la sceneggiatura. Della Firenze del Quattrocento non c'è praticamente niente. Al confronto, tutte le serie precedenti sui Borgia sono dei capolavori. Insomma, uno spettacolo soporifero e deprimente, anche per il pubblico incolto al quale (in stile americano) sembra indirizzarsi. E poi è ora di finirla con questa abitudine anglosassone di vedere sempre Roma e il Quattrocento italiano soltanto come un verminaio di cinismo e corruzione. Davvero inguardabile. Prevedo un interesse molto declinante per il prosieguo della serie.

    Rapporto
  • Link al commento Nicola Mercoledì, 19 Ottobre 2016 20:59 inviato da Nicola

    E' vergognoso che i programmi su RAI 1 iniziano praticamente in seconda serata. Ieri sera poi addirittura alle 21:30. Forse in RAI non sanno che la gente normale da lunedì a venerdì va a lavorare

    Rapporto
  • Link al commento silvana rossitto Mercoledì, 19 Ottobre 2016 18:57 inviato da silvana rossitto

    Non ce l'ho fatta a vederlo fino in fondo, una noia infinita, più piatto della pianura padana ..... poco avvincente, sia sotto l'aspetto storico che interpretativo. Persino le musiche c'entravano come i cavoli a merenda e non sono riuscite a muovere una foglia ......... del mio albero ovviamente!

    Rapporto
  • Link al commento Patrizia Mercoledì, 19 Ottobre 2016 17:05 inviato da Patrizia

    Concordo la storia è stata banalizzata nessun spessore culturale e mi pare pure girata in economia. Non credo che si debba imparare la storia dalle fiction ma questa non è guardabile, direi che non ha niente a che vedere con la storia. È un grande polpettone senza senso.

    Rapporto

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

Music Quiz dal 16 dicembre su Rai1 tutte le news

30-11-2016 Intrattenimento Alice Toscano

Dell'esordio di Music Quiz il prossimo 16 dicembre su Rai 1 con la conduzione di Amadeus, vi abbiamo già parlato...

Vai alla news

Sarà Sanremo il 12 dicembre l'annuncio dei Big in gara a Sanremo 2017

30-11-2016 Intrattenimento Beatrice Martini

La notizia è certa: nel corso dello speciale Sarà Sanremo in onda il prossimo 12 dicembre su Rai 1, il...

Vai alla news

Teatro alla Scala il 7 dicembre Madame Butterfly in diretta su Rai 1 e…

24-11-2016 Cultura Alice Toscano

 Saranno Rai 1 e Radio 3 a trasmettere in diretta, il prossimo 7 dicembre, l'inauguazione del Teatro alla Scala con...

Vai alla news

Musica colta, il canale Mezzo dal 29 ottobre su tivùsat

27-10-2016 Cultura Paola Pariset.

 Nel prestigioso Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia a Roma, fra corniciature, colonnati, finestrate michelangiolesche e affreschi dei Carracci, è...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo