logo

Quello che nascondono i tuoi occhi la recensione

Mercoledì, 04 Gennaio 2017 00:00 - Scritto da 

Lui bello e "impassibile" alla Gabriel Garko, lei bloccata in una recitazione da soap opera.Messi insieme sono stati i protagonisti della serie Quello che nascondono i tuoi occhi di cui, martedì sera, è andata in onda la prima puntata su Canale 5. I due attori, per amor di cronaca, sono Ruben Cortada e Blanca Suarez ed hanno interpretato rispettivamente il Ministro degli Esteri del governo franchista nei primi anni Quaranta e una giovane marchesa appartenente alla nobiltà madrilena.

E' l'ennesimo prodotto nato in Spagna, terra alla quale Canale 5 deve molto in fatto di soap opera. La vicenda raccontata ruota intorno alla forte passione esplosa fra i due personaggi. Sullo sfondo, in lontananza, i prodromi del secondo conflitto mondiale e la guerra civile, non sedata, che aveva sconvolto la Spagna.  Tutto solo accennato per lasciare spazio alla love story e agli intrighi della società che si muoveva attorno al Caudillo: il dittatore Franco rappresentato, tra l'altro, come una sorta di macchietta teatrale molto calcata nella caratterizzazione della fisicità e degli atteggiamenti.

Insomma abbiamo visto una sorta di Puente Viejo apparentemente nobilitato con sfarzo e sontuosi costumi, dimore principesche, arredamenti molto ben curati e personaggi di rango elevato. Una ostentazione, purtroppo grossolana e continuativa, del classico barocco spagnolo riportato alle atmosfere di una soap opera il cui vanto sarebbe di essere ispirata ad una storia vera. Ma ci vuol poco a rovinare un fatto storico. Basta una sceneggiatura banale e superficiale, dialoghi semplicistici e poco credibili. Ed è quanto è accaduto in Quello che nascondono i tuoi occhi.Come poco credibili erano gli attori coinvolti in una recitazione perfetta per le telenovela sfornate dalla penisola iberica. Una recitazione costruita, ingessata nei soliti luoghi comuni. 

Lui, Rubel Cortada potrebbe essere il Gabriel Garko spagnolo: un volto statico nel quale cercare una parvenza di espressione è impresa ardua e difficile. Indubbiamente ha un fisico statuario e una bellezza sottolineata da continui primi piani. Sarebbe stato un attore perfetto per il cinema muto. Lei apparentemente sembrava più coinvolta: nel comunicare la propria passione per il fascinoso ministro (perfetto tra l'altro per un'Isola dei famosi in stile Alessia Marcuzzi) ha avuto qualche singulto e pochi movimenti facciali.

Insomma un dinamismo espressivo maggiore. A far scadere ancor più nel ridicolo questa sterile rappresentazione dell'epoca hanno contribuito i cappellini indossati dalla Suarez: sembrava che l'attrice avesse svaligiato il guardaroba di Marina Ripa di Meana nota per indossare copricapi singolari e impossibili. Probabilmente si è voluto sottolineare, anche in questo modo, lo straripante barocchismo spagnolo.

Infine: intorno agli esponenti della nobiltà e dell'alta società ruota la servitù che interagisce con i padroni ed alla quale si è voluto affidare un ruolo quasi da comprimaria.  Ma il tentativo di una Downton Abbey spagnola è fallito miseramente.

 

 

 

Letto 445 volte Ultima modifica Mercoledì, 04 Gennaio 2017 09:32
Marida Caterini

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni  critico televisivo de Il Giornale d’Italia  con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama.

Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino,  Il Giornale.

Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione,  organizzato dall’Università La Sapienza di Roma.

Ha vinto  il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. . E stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana,  un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

1 commento

  • Link al commento ANNA MARIA DOTTORINI Martedì, 17 Gennaio 2017 15:35 inviato da ANNA MARIA DOTTORINI

    in riferimento a"quello che nascondono i tuoi occhi"...oltre agli attori del tutto inappropriati quello che mi ha davvero stupito è stata la presenza di una vespa (la guida Rolo) ne1942;come è possibile se è nel 1946?

    Rapporto

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

Sanremo 2017 ecco il profilo dei 22 Big in gara e i brani che cantano

12-12-2016 Intrattenimento Alice Toscano

 Svelati, da Carlo Conti, nel corso della serata Sarà Sanremo, i nomi dei 22 Big che parteciperanno alla 67esima edizione...

Vai alla news

Sanremo 2017 ecco le otto Nuove Proposte

13-12-2016 Intrattenimento Redazione

 Nel corso della serata Sarà Sanremo, andata in onda lunedì 12 dicembre su Rai1 con la conduzione di Carlo Conti...

Vai alla news

Il commissario Maigret il nuovo interprete è Rowan Atkinson

12-12-2016 Soap e serie tv Lidia Lombardi

 “La voce di Simenon rimane forte. Imprime il suo sigillo a Maigret. Qualsiasi adattamento, anche meno fedele, non può affievolirla...

Vai alla news

Le fiction che vedremo: "C'era una volta Studio Uno" dal 13 …

12-01-2017 Soap e serie tv Serena Angelucci

Andrà in onda il 13 ed il 14 febbraio su Rai1 la miniserie dal titolo "C'era una volta Studio Uno...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo