logo

Il meglio d'Italia, la recensione

Sabato, 01 Marzo 2014 02:32 - Scritto da 

Prima puntata del nuovo programma di Enrico Brignano: le aspettative si sono infrante contro uno schema poco televisivo, nonostante alcuni segmenti spettacolari con grandi ospiti.

 Questa la sensazione suscitata nel telespettatore da Il meglio d'Italia di cui è andata in onda su Rai1, venerdì 28 febbraio, la prima puntata. Enrico Brignano è stato uno dei comici più interessanti, in grado di interpretare, sotto l'ottica dell'ironia, le più piccole abitudini della via quotidiana. Un bel giorno ha iniziato a "strafare": è accaduto quando è stato conduttore de Le iene show su Italia 1. Quell'esperienza ha provocato una sorta di metamorfosi nella sua personalità comica: ha iniziato a sopravvalutarsi, a considerarsi il detentore unico del sens of humour e si è addentrato anche nei meandri della grossolanità.

A Il meglio d'Italia ha cercato di spaziare a 360 gradi sull'italianità, sull'orgoglio di sentirsi italiani. Nelle intenzioni avrebbe dovuto far conoscere al pubblico e alla sua partner argentina l'attrice e modella Liz Solari, le ricchezze del nostro paese. Invece abbiamo assistito ad una serie di monologhi, spesso troppo lunghi e chiaramente ispirati agli spettacoli teatrali di Brignano. E la Solari, fortunatamente, è stata relegata in un cantuccio. Seguire il padrone di casa nei suoi voli pindarici attraverso i secoli è stato notevolmente complicato e persino noioso. A salvare parte dell'one man show (perchè di questo tipo si spettacolo si è trattato) sono intervenuti personaggi come Giorgia, Pippo Baudo, Il Volo. E verso la fine, è arrivato anche Alberto Angela a parlare della cappella Sistina, in una sorta di riproposizione dei programmi propri del conduttore. Questo momento di "alta cultura" si è dovuto scontrare con una differente realtà:  il "corpo di ballo" de Il meglio d'Italia: ballerine assolutamente in deshabilleé con il lato B in bell'evidenza, come ha sottolineato lo stesso conduttore. E a questo punto viene da chiedersi cosa davvero si intenda per "cultura" in tv. Brignano si è goduto il "momento dialogo" con il giovane Angela con la consapevolezza di aver reso un gran servigio al varietà, ovemai fosse varietà Il bello d'Italia.

Il padrone di casa ha cantato, si è trasformato nei "grandi uomini italiani", ha parlato di pittura, di opera lirica, di televisione, di eventi quaotidiani in un ripetersi all'infinito di monologhi. Poi è arrivato Pippo Baudo e qualche spazzo di varietà si è visto. Baudo ha sfoggiato un'auto ironia molto difficile da trovare in personaggi della sua età ma ha rivelato una linfa vitale in grado di dare una sferzata di energia allo show. Purtroppo, poi, si è caduti di nuovo nell'atmosfera scontata e soporifera.

Infine: Il meglio d'Italia dura troppo. E' incomprensibile pretendere che uno show basato su una sola persona anche se con ospiti, possa essere in video per più di due ore e mezza. La vis comica irrimediabilmente si perde nella necessità di produrre più battute. La giusta durata di un tale programma sarebbe al massimo di un'ora.

 

 

 

Letto 1471 volte Ultima modifica Sabato, 01 Marzo 2014 00:09
Marida Caterini

Giornalista, esperta di spettacoli, in particolare di televisione. È stata per dieci anni  critico televisivo de Il Giornale d’Italia  con la direzione di Luigi D’Amato. Dal 1997 si occupa per il quotidiano Il Tempo di spettacoli, soprattutto di tv. Si occupa di cultura per il sito di Panorama.

Ha collaborato in passato con le maggiori testate nazionali, tra cui Il Sole 24 ore, Il Mattino,  Il Giornale.

Ha ricoperto il ruolo di docente di Teorie e tecniche della critica televisiva nel master per laureati in Scienze della Comunicazione,  organizzato dall’Università La Sapienza di Roma.

Ha vinto  il dattero d’argento al Salone Internazionale dell’umorismo di Bordighera. . E stata titolare per tre anni della rubrica “Dietro le quinte” su Il Giornale d’Italia, analizzando, ogni settimana,  un evento di cronaca, di politica o di spettacolo sotto la lente dell’umorismo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

Nemico Pubblico 3, dal 5 giugno con otto nuove puntate

17-05-2016 Intrattenimento Irene Natali

Nemico Pubblico 3, dal 5 giugno con otto nuove puntate

Torna domenica 5 giugno su Rai 3 Giorgio Montanini, con la terza edizione di Nemico Pubblico-Live. Il programma, come lo...

Vai alla news

Le ragazze del 46 dal 30 maggio al 3 giugno su Rai3

19-05-2016 Informazione Serena Angelucci

Le ragazze del 46 dal 30 maggio al 3 giugno su Rai3

 Una maniera per rendere omaggio alla Repubblica italiana che, quest'anno festeggia i 70 anni ma anche alle giovani donne che...

Vai alla news

Non uccidere, a fine anno le riprese della seconda stagione

12-05-2016 Soap e serie tv Beatrice Martini

Non uccidere, a fine anno le riprese della seconda stagione

La serie "Non uccidere" avrà una seconda stagione. La macchina organizzativa di Rai Fiction è già al lavoro. I responsabili della struttura...

Vai alla news

Le fiction che vedremo: I fantasmi di Portopalo con Beppe Fiorello

06-05-2016 Soap e serie tv Beatrice Martini

Le fiction che vedremo: I fantasmi di Portopalo con Beppe Fiorello

Beppe Fiorello è di nuovo sul set di una fiction destinata a Rai 1. L'attore infatti impegnato nelle riprese della serie...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata
Servizi Web Marketing

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo