Cucine da incubo: bilancio dopo la settima puntata


Riflessioni sul cooking show di Fox Life in onda il mercoledì in prime time

Dopo sette puntate si può tracciare un bilancio credibile e esaustivo di “Cucine da incubo”, il singolare cooking show che Fox Life trasmette il mercoledì in prima serata con lo chef Antonino Cannavacciuolo

 Lo spirito del programma è risollevare le sorti di Ristoranti e Trattorie caduti momentaneamente in disgrazia per imperizia del personale che li gestisce. Il duro compito è affidato allo chef Cannavacciuolo, napoletano pluristellato che entra nei locali in punta di…forchetta e ne esce convinto di aver dato una sterzata positiva all’andamento generale. Ma sarà proprio così?

Innanzitutto c’è da sottolineare l’atteggiamento sicuro, da burbero benefico, di Cannavacciuolo che dirige, gestisce, giudica, condanna ferocemente, ma mai con toni alti. In maniera controllata esprime i giudizi più severi, colpisce ferocemente l’inettitudine degli addetti alle cucine. Lo fa utilizzando frasi dure e gesti plateali come il rifiuto del cibo proposto e già in bocca, attarverso toni di voce bassi. Parla con il volto e con gli occhi,  con l’espressione truce ma mette in evidenza le proprie capacità. E non per questo si mostra meno duro dei suoi tre colleghi di MasterChef. Semplicemente sono differenti le modalità della cattiveria.

Certo, il programma è realizzato in funzione delle telecamere che ne condizionano il ritmo, i passaggi e le inquadrature. E spesso qualche esagerazione è dietro l’angolo. Ad esempio, nella settima puntata, a colpire è stata l’enorme pila di piatti sporchi presente nelle cucine del Ristorante che Cannavacciuolo doveva riportare sulla retta via. Immagini non edificanti per il buon nome di qualsiasi trattoria ma giudicate necessarie per l’economia dello show. Servivano, insomma, a sottolineare maggiormente il disastroso andamento del locale prima dell’avvento dello Chef stellato e la perfezione riconquistata dopo la “cura”.

In quest’ottica riveste un ruolo significativo anche l’andamento  delle dinamiche familiari che appaiono all’inizio fin troppo negative, salvo poi rientrare nella normalità in seguito all’intervento di Cannavacciuolo. Insomma lo Chef sembra una sorta di “deus ex machina” che risolve positivamente le situazioni più ingarbugliate.

O forse, il suo arrivo e la sua partenza assomigliano agli interventi della mitica Mary Poppins che, una volta risolte le incomprensioni familiari tra genitori e figli, spicca il volo e se ne torna da dove è arrivata. Tutto sommato Cucine da incubo è guardabile, e spesso è più accettabile di tanti altri programmi da incubo che vagano nell’etere. Cannavacciuolo è credibile come Chef, un po’ meno quando propone frasi che dovrebbero appianare le tensioni. Un esempio? nell’ultima puntata accomiatandosi dalla famiglia che gestisce il Ristorante dice “vi auguro un futuro degno del vostro passato”. E ancora: “una camomilla al padre ansioso, un caffè al figlio imbambolato e l’incubo è passato. Adios”. Meglio che torni ai fornelli.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Cucine da incubo: bilancio dopo la settima puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*