La mafia uccide solo d’estate Gioè racconta un’altra storia di mafia


Intervista a Claudio Gioè, il padre di salvatore nella serie La mafia uccide solo d'estate.


 La mafia uccide solo d’estate è diventata una serie tv ed è arrivata in prima serata su Rai 1 da lunedì 21 novembre per sei puntate. La voce narrante è quella di Pif che ha lasciato la regia a Luca Ribuoli ma ci racconterà la Palermo degli anni Settanta con gli occhi di un bambino, Salvatore, che come il padre ha uno spiccato senso della giustizia e una particolare amicizia con Boris Giuliano, il capo della squadra mobile di Palermo. Accanto al ragazzo troveremo Anna Foglietta nei panni di Pia, la madre e Claudio Gioè, il papà di Salvatore.  

Ne abbiamo parlato con Claudio Gioè.

Avevamo visto Claudio Gioè già nell’omonimo film dove l’attore interpretava un giornalista amico del piccolo Arturo. Nella serie invece Gioè sarà il padre del piccolo Salvatore, un uomo che lavora all’ufficio anagrafe di Palermo, con un forte senso civico e morale, che nonostante i suoi sforzi sarà costretto più volte a scontrarsi con la mafia.

Ai nostri microfoni l’attore ha raccontato: “Sarò un uomo come tanti, della Palermo di fine anni Settanta, che dovrà affrontare i problemi legati alla criminalità organizzata che hanno segnato il nostro paese. A differenza del ruolo del giornalista, che coglieva in poche scene lo spirito antimafia di tanti coraggiosi giornalisti in questo caso ho la possibilità, nell’arco di sei puntata, di raccontare le sfumature culturali di quel periodo“.  

Gioè non è nuovo alle serie sulla mafia, l’attore è stato tra i protagonisti di Squadra antimafia, Il sistema, Paolo Borsellino e Il capo dei capi e a proposito della sua carriera di attore racconta: “Mi affascinano le storie, più volte ho trattato il tema mafioso ma per ognuna di queste serie affrontate ho vissuto un’esperienza diversa”. 

Come abbiamo anticipato Claudio Gioè ha vissuto il set insieme a Pif durante le riprese del film, “come regista Pierfrancesco Dliberto ha lo stesso stupore che raccontava Arturo, si è posto in una maniera pura e diretta nei confronti della macchina cinematografica come un bambino farebbe nei confronti della vita”.

Abbiamo chiesto all’attore anche quali altri progetti lavorativi ci sono in cantiere: “Sto ultimando le riprese di Sotto copertura 2, un poliziesco in cui racconteremo l’arresto di Michele Zagaria”. Nella prima stagione, che si è conclusa con l’arresto del capo clan Antonio Iovine, Gioè ha vestito i panni del commissario Michele Romano, che nella realtà corrisponde a Vittorio Pisani, Capo della Squadra mobile di Napoli. 

Per saperne di più vi lasciamo alla nostra video-intervista integrale.

{module Pubblicità dentro articolo}



0 Replies to “La mafia uccide solo d’estate Gioè racconta un’altra storia di mafia”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*