logo

I bastardi di Pizzofalcone, la conferenza stampa

Lunedì, 19 Dicembre 2016 12:32 - Scritto da 

Ai prodotti polizieschi del piccolo schermo si aggiunge una nuova serie made in Italy: I bastardi di Pizzofalcone, tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni.
In onda su Rai 1 dal 9 gennaio con sei puntate, questa storia racconta Napoli. Lo fa in quanto “capitale” europea, non come città della criminalità.
Lo spiega la direttrice di Rai Fiction Tinni Andreatta nel corso della presentazione alla stampa: “È una storia di riscatto: i protagonisti sono sette, e il cinema ci ha raccontato vicende di sette personaggi che compiono questo percorso”.

 

E il regista Carlo Carlei, che a Napoli non era mai stato, l'ha vissuta con occhio "vergine": "Non si tratta solo di produrre qualcosa, ma di un'esperienza di vita. A differenza di altre serie che la raccontano come covo del male, Napoli ti accoglie con la luce. Non ho mai amato tanto un luogo in cui ho girato".
La parola passa dunque allo scrittore Maurizio De Giovanni, che ha trovato i suoi personaggi “migliorati” rispetto a quelli del libro: “Io racconterò sempre i poliziotti come esseri umani che fanno uno dei lavori più difficili, spesso in condizioni di disagio”. Al momento sono in fase di scrittura altri romanzi, per i quali si prospetta una adattamento televisivo: non una riduzione, sottolinea l'autore, ma "un aumento".
“Trovo molto importante che la Rai stia attingendo alla letteratura contemporanea per le sue serie. Se il riferimento è alto, allora anche il prodotto ha ottime possibilità di riuscita”, interviene Alessandro Gassmann. L’attore interpreta il cinese, caratterizzato da grande intuito.
“La squadra -approfondisce Carolina Crescentini- è un gruppo di reietti: tutti insieme però, sono una forza. Hanno delle vicende molto forti alle spalle, da cui inevitabilmente sono condizionati sul lavoro: fanno pensieri anche sgradevoli, perché a volte il confine della giustizia è molto labile. Questo però li rende veri”. Infine un pensiero ai poliziotti in sala: “È bello raccontarvi”.
Ancora Gassmann: “Non ci si ferma alla risoluzione di omicidi: si approfondisce l’universo dei personaggi, grazie all’egregia scrittura”. Lojacono, il "cinese" appunto, è un uomo reduce da un matrimonio naufragato: si metterà addosso la maschera del lavoro, però alla fine nascerà un legame particolare con la pm Laura Piras, interpretata dalla Crescentini. La relazione non avrà un iter semplice, dato che tra colleghi non potrebbe esserci alcun tipo di rapporto: la Crescentini non anticipa niente, ma lo lascia intuire.
“Io ho scelto -spiega De Giovanni- di parlare di una Napoli che non è quella della criminalità organizzata, sia perché non ne so abbastanza, sia perché ha un aspetto di contrasti tra i tanti strati sociali che la abitano. Io parlo dei delitti passionali”. Carlei aggiunge: “All’inizio ero perplesso all’idea di romanzi ambientati a Napoli senza toccare l’argomento camorra. Invece poi ho capito che si tratta di una delle tante componenti, la quale condiziona la vita dei cittadini e delle istituzioni”. Poi, chiarisce ironicamente la Crescentini, chi vuole vedere la serie sulla camorra ha già altre serie, sia Sky che Mediaset.
Il pensiero corre al successo di Rocco Schiavone, basato sui romanzi di Antonio Manzini: “Siamo tutti figli di Camilleri: il poliziesco in Italia è il nuovo romanzo sociale, focalizzato sulla realtà di varie parti d’Italia. Io sono un avido fruitore dei romanzi degli amici: consiglio a tutti di leggere Manzini".

La conferenza stampa si conclude qui, l'appuntamento è per il 9 gennaio in prima serata.

Letto 299 volte Ultima modifica Lunedì, 19 Dicembre 2016 16:34
Irene Natali

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

Argo dal primo marzo su Rai Storia con Valerio Massimo Manfredi

16-02-2017 Cultura Biagio Esposito

Torna "Argo" il magazine televisivo tematico affidato a Valerio Massimo Manfredi. Il primo appuntamento del nuovo ciclo è fissato per...

Vai alla news

"TecheTecheTè" il 19 febbraio dedicato a Ballando con le ste…

14-02-2017 Intrattenimento Angela Grimaldi

La puntata di "TecheTecheTè" in onda domenica 19 febbraio su Rai1 in access prime time è dedicata al ritorno di...

Vai alla news

Le Fiction che vedremo: “La valanga” sul dramma di Rigopiano

09-02-2017 Soap e serie tv Massimo Luciani

La Taodue di Pietro Valsecchi ha annunciato che sarà molto presto in lavorazione una serie che rievoca il dramma della...

Vai alla news

Younger da martedì 21 febbraio su Fox Life la prima stagione

19-02-2017 Soap e serie tv Beatrice Martini

Arriva su Fox Life da martedì 21 febbraio la nuova serie dal titolo "Younger". L'appuntamento è in prima serata alle...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo