1993 puntata del 30 maggio, il suicidio di Raul Gardini


Terza puntata della serie che entra nel vivo con la decisione di Silvio Berlusconi di scendere in politica.


 Vanno in onda questa sera su Sky Atlantic HD il quinto e il sesto episodio della serie 1993 nata da un’idea di Stefano Accorsi. La serie racconta l’anno successivo al 1992 che ha segnato l’avvento di Tangentopoli e l’inizio del disgregamento del sistema politico sul quale era fondata la prima Repubblica.

Alle 21:10 prosegue dunque il racconto della storia italiana di quel periodo attraverso personaggi veri e di fantasia. Nella puntata di questa sera ritroveremo Leonardo Notte (Stefano Accorsi) che è ancora incarcerato.

Nel frattempo Silvio Berlusconi (Paolo Pierobon, il malvagio De Silva di Squadra antimafia) ha preparato tutto per la sua discesa in campo. Il capo dell’allora Finivest è cioè pronto a entrare in politica con il suo nuovo partito che ha chiamato Forza Italia.

Intanto Bibi Mainaghi (Tea Falco) ha preso in mano il comando della sua famiglia ma non riesce in alcun modo, almeno per adesso, a scrollarsi di dosso tutti i loschi affari che erano stati perpetrati in passato dai suoi, a cominciare dal padre. La ragazza rimane sconvolta e si sente sempre più sola perchè il fratello Zeno è stato portato in una clinica di disintossicazione. Bibi, inoltre, ha scoperto anche la verità sulla morte del padre.

1993 2

Avevamo lasciato nella scorsa puntata Veronica Castello (Miriam Leone) invischiata in un affare scandalistico. Una rivista era entrata in possesso di alcune sue foto compromettenti. Ma lei farà di tutto per cercare di bloccarne la pubblicazione. Anche perchè adesso sta davvero per diventare famosa e non vuole perdere questa opportunità a lungo desiderata per qualche errore del passato
Sempre nell’episodio di questa sera vedremo come Luca Pastore (Domenico Diele) sarà ancora intrappolato nelle indagini sull’inchiesta sulla sanità che gli è stata affidata dal Pubblico Ministero Antonio Di Pietro (Antonio Gerardi). Per il poliziotto, però, è il momento di fare i conti con la propria malattia.

Il 1993 comincia a caratterizzarsi come l’anno dei suicidi eccellenti. L’imprenditore Raul Gardini si è tolto la vita nella sua abitazione di Milano e questo gesto così eclatante non passerà certamente inosservato. Al contrario, avrà delle conseguenze molto serie. Il pool Mani Pulite con Antonio Di Pietro ha perso così un testimone importantissimo per l’inchiesta sulle tangenti legate al gruppo Enimont.

{module Pubblicità alternativa}

Infine Leonardo Notte continuerà a dichiararsi innocente per l’omicidio di Venturi per il quale è stato arrestato da Luca Pastore.

La regia di 1993 è di Giuseppe Gagliardi.



0 Replies to “1993 puntata del 30 maggio, il suicidio di Raul Gardini”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*