9 Vita da bomber su Premium Sport il nuovo format, stasera Trezeguet e Higuain


Questa sera, domenica 25 dicembre, su Premium Sport andrà in onda l’incontro tra il talent di Premium David Trezeguet e l’attaccante della Juventus Gonzalo Higuain, primo appuntamento del nuovo format “9 – vita da bomber”, nel quale l’ex campione bianconero incontra i grandi attaccanti del calcio di ieri e di oggi.


 Questa sera, domenica 25 dicembre, su Premium Sport andrà in onda l’incontro tra il talent di Premium David Trezeguet e l’attaccante della Juventus Gonzalo Higuain, primo appuntamento del nuovo format “9 – vita da bomber”, nel quale l’ex campione bianconero incontra i grandi attaccanti del calcio di ieri e di oggi.

Di seguito il virgolettato dell’intervista:

Sul sogno che aveva da bambino, dichiara: “La mia famiglia è sempre stata molto calcistica, mio padre e mio fratello hanno sempre giocato e la prima cosa che ho preso in mano è stato un pallone. Il mio sogno era di fare quello ho fatto e spero di migliorare ancora molto”.
Sulla gioia del gol: “La gioia che sento quando faccio gol è immensa. Mi chiedono se dopo una rete urlo così tanto per scaricare la rabbia ma in realtà se osservate i miei gol urlo sempre allo stesso modo. Per me la cosa più bella del calcio è segnare o fare belle giocate, per altri invece è salvare un gol o fare una grande parata. Fin da piccolino volevo sempre fare gol. Sentire uno stadio pieno che urla il tuo nome è magnifico”
Su un modello a cui si è ispirato: “Da ragazzo guardavo tanto il calcio italiano, dove giocavano grandi attaccanti come Trezeguet, Batistuta, Crespo e Montella. E poi c’era il migliore di tutti i tempi che per me è Ronaldo”.
Su un centravanti completo che ammira: “Suarez è in un momento altissimo ed è migliorato molto rispetto a Liverpool. Anche Lewandowski è forte, così come Aguero. Ma a me piace di più un giocatore che mi fa divertire, rispetto a uno che fa gol”.
Su Dybala e Messi: “Si somigliano molto. Messi è migliore e lo dimostra giorno dopo giorno. Paulo è ancora giovane, ha 23 anni e dipenderà tutto da lui. Ha tutte le caratteristiche per diventare un top player ma dipende solo da lui: dovrà avere una grande forza mentale. Quando arrivi così velocemente ad alti livelli non è facile restarci per molti anni. Ci saranno molti alti e bassi, dovrà sempre mantenere un equilibrio e non ascoltare le critiche e gli elogi. Arrivare nell’elite il prima possibile è un vantaggio perché si impara a crescere velocemente e poi giochi subito con giocatore di grande livello”.

vita da bomber
Sull’esperienza al Real Madrid: “Sono arrivato lì a 18 anni e sono cresciuto molto. Avevo dei grandi compagni, Raul, Van Nistelrooy e Roberto Carlos mi hanno aiutato molto a inserirmi. Raul era già una leggenda e mi ha colpito moltissimo perché mi ha aiutato e mi ha dato la possibilità di essere il suo erede”.

Su un vittoria importante conquistata in carriera: “Un trionfo bellissimo è stato il primo campionato a Madrid, con Capello in panchina. Io arrivai a gennaio, eravamo a 14 punti dal Barcellona, non stavamo giocando benissimo ma arrivò il momento che agganciammo il Barca e lì abbiamo capito che avremmo vinto la Liga”.
Sui record personali: “Sono traguardi che alla fine ti fanno piacere ma non sono fondamentali. Preferisco vincere qualcosa di importante a livello di squadra, come la Champions”.
Sulla Champions che manca alla Juventus: “La sensazione che abbiamo è che possiamo farcela. Ma io sono venuto qui anche per vincere il sesto Scudetto perché la gente si ricorda sempre dell’ultimo trionfo. Chi ti ha fatto vincere i primi cinque resterà importante ma sarà più importante chi ti fa vincere il sesto”.
Sulle critiche per la Juventus che non gioca benissimo: “Nel calcio non c’è più pazienza. Si vuole tutto subito, se si prendono tre giocatori di grande qualità tutti si aspettano che si vinca sempre 8-0. Siamo arrivati io Pjanic e Benatia ma siamo giocatori che ci stiamo adattando a un ambiente e a compagni nuovi, non siamo robot. Poi sicuramente possiamo migliorare ma stiamo vincendo: dobbiamo migliorare ma di poco”.
Su un consiglio da dare ai più giovani: “Il consiglio che posso dare è di essere convinti nelle proprie capacità e in quello che si fa. Come diceva mia madre si può fare quello che si vuole ma con un’anima”.
Sul difensore più tosto affrontato: “A parte mi padre il più pesante è stato Puyol. Quando giocavo contro il Barcellona era insopportabile. E’ stato il più tosto che ho affrontato”.
Sul portiere più forte incontrato: “Ho avuto la fortuna di giocare con tre grandi portieri: Casillas, Reina e Buffon. Quando giocavo contro Buffon era una doppia sfida perché riuscire fare un gol a uno come lui era una cosa straordinaria. Ammiro molto Gigi perchè ha la stessa fame di quando era un ragazzino”.
Su un ipotetico figlio che volesse diventare un calciatore: “Io non sono una persona invadente. Lui dovrà fare quello che ama, poi se diventerà un calciatore lo potrò aiutare. Ma sarei orgoglioso di lui qualsiasi cosa decidesse di fare”.
Sul coro dei tifosi juventini: “All’inizio non l’avevo capito ma è bellissimo e mi dà grande carica”.



0 Replies to “9 Vita da bomber su Premium Sport il nuovo format, stasera Trezeguet e Higuain”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*