L’erba dei vicini, Severgnini da questa sera su Rai3


Questa sera debutta su Rai3 L'erba dei vicini condotto da Beppe Severgnini. La prima nazione a sfidare l'Italia è la Germania.


Terminato il nuovo ciclo di Amore criminale, debutta questa sera su Rai3L’erba dei vicini condotto da Beppe Severgnini. Nei sei appuntamenti previsti l’editorialista del Corriere della sera metterà a confronto l’Italia con i principali paesi Europei e gli Usa per capire chi è più bravo o semplicemente meno peggio.

Contro la fiction di Rai1 (e spesso anche quella di Canale5), le Iene, Monte Bianco e Quinta colonna non sarà facile emergere per il programma fortemente voluto dal direttore Andrea Vianello; ma gli elementi per creare un progetto interessante, informativo e allo stesso tempo leggero ce ne sono tutti.

In ogni puntata la sfida tra nazioni si svolgerà intorno a quattro temi generali. Per fornire al pubblico tutti gli elementi necessari a giudicare, questi argomenti verranno affrontati con un racconto filmato dall’Italia e dal paese ospitante e dalle interviste in studio con due persone competenti in materia.

Per alleggerire i toni e cercare di allargare il più possibile il target inoltre Francesco Angeli realizzerà e presenterà due brevi cartoni animati, uno per nazione. Si partirà da uno stereotipo e lo si declinerà in modo originale e divertente.

Il giornalista del Corriere, torna dopo diversi anni nel ruolo di conduttore con l’obiettivo di informare divertendo. Non è possibile prevedere se il nostro paese uscirà vincitore o meno dai sei duelli ma lo stesso Severgnini ci ricorda come: “Se siamo più bravi possiamo insegnare. Se sono più bravi, dovremmo imparare”.

Proprio per questo al pubblico è affidato un ruolo fondamentale: le 100 persone in studio sono chiamate ad una doppia votazione, una all’inizio ed una alla fine della trasmissione. Il primo servirà per verificare l’esistenza o meno di pregiudizi, l’altro per assegnare uno punto ad una delle due nazioni. Un altro punto poi, sarà assegnato dal televoto (89.40.03 da telefono fisso e 47.84.78.4 per sms).

edv 1punt

Nella prima puntata, in onda questa sera dalle 21.05, si sfidano Italia e Germania. Tasse, turismo, infanzia e musica neomelodica, sono queste i quattro temi su cui si ruota l’esordio de L’erba dei vicini.

Il regista Giovanni Veronesi, cercherà di spiegare perché Roma è più bella di Berlino, mentre Susanne Hoehn (responsabile a Bruxelles del Goethe Institut) e Barbara Stefanelli (vice direttor vicario del Corriere della sera) discuteranno di educazione e infanzia. A Roberto Perotti, consulente economico del Governo per la spending review, spetterà il compito di scoprire chi paga più tasse e soprattutto come.

Quando si parla di Italia-Germania la prima cosa che ci viene in mente sono le epiche sfide calcistiche. Proprio per questo, ad arricchire il cast di ospiti, interverranno Riccardo Montolivo e Giovanni Trapattoni; due che per motivi differenti conoscono molto bene il paese teuotonico. Il Trap ha vissuto capitolo importanti della sua carriera da allenatore al Bayern Moncaco, mentre Antje, la mamma del capitano del Milan è nata a Kiel, in Germania.

Vietato prendere troppo sul serio questa sfida e proprio per questo, Enrico Brignano presenta un monologo creato ad hoc per prendere in giro vizi e virtù delle due nazioni. Inoltre ci sarà spazio anche per la musica, con ospiti a sorpresa.

L’erba dei vicini è un progetto di Beppe Severgnini e Casimiro Lieto, scritto con Angelo Ferrari, Federico Taddia, Piero Passaniti, Ilenia Ferrari e realizzato in collaborazione con Ruvido Produzioni. Responsabile del progetto editoriale, Anna Lisa Guglielmi. Scenografia, Giuseppe Chiara. Curatrice, Raquel Rivas. Produttore Esecutivo Rai, Giulia Lanza. La regia è di Andrea Soldani.



0 Replies to “L’erba dei vicini, Severgnini da questa sera su Rai3”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*