I film dell’estate 2018 | Happy face killer | il 18 agosto su Rai2


I film dell'estate 2018 | Happy face killer su Rai2. La pellicola racconta la vera storia del serial killer Keith Jesperson accusato di 8 omicidi e condannato all'ergastolo.


Ha per titolo Happy Face Killer il film che Rai 2 trasmette, questa sera in prima serata, alle 21:05. Si tratta di un thriller datato 2014. Racconta la vera storia di Keith Jesperson un camionista americano che all’inizio degli anni 90 fu accusato di aver ucciso almeno 8 donne strangolandole.

Jesperson, viene narrato nel tv movie, aveva l’abitudine di inviare lettere alla polizia e ai giornali annunciando i suoi delitti.

La pellicola è una coproduzione Stati Uniti-Canada per la televisione. Il film è stato mandato in onda per la prima volta il 1 marzo del 2014 su Lifetime network.

E’ interpretato da David Arquette che si cala nel criminale Jesperson. Gloria Reuben è invece Melinda Gand l’investigatore della FBI incaricato di risolvere il caso.
La pellicola ha la durata di un’ora e 23 minuti. È diretta da Rick Bota e nel cast ci sono anche Daryl Shuttleworth e Stephanie von Pfetten. La sceneggiatura è stata scritta da Richard Christian Mateson.
Le riprese si sono svolte in America e in Canada.

Happy face killer | la trama

Il film tv racconta la vera storia di Keith Hunter Jesperson, noto con il soprannome di Happy Face killer. Viene narrata la sua nascita nel 1956 e ci si spinge fino al suo arresto, il 30 marzo del 1995.

Il criminale ha 63 anni, è ancora in vita e gli sono stati addebitati 8 omicidi Ma le vittime presunte potrebbero essere addirittura 160. Il modo con cui le uccideva era sconvolgente, prima faceva perdere i sensi alla vittima poi la faceva a rinvenire per strangolarla definitivamente.

Il criminale era di nazionalità canadese e l’epoca in cui uccise, è datata tra il 1990 e il 1995. Gli omicidi avvennero tutti negli Stati Uniti d’America.

L’uomo era un camionista di professione ai tempi in cui uccideva ed è l’ennesimo caso di serial killer con un passato drammatico alle spalle, una vita travagliata che lo ha lentamente portato sulla strada dell’omicidio.Più tardi svelò di aver subito abusi in famiglia quando aveva 14 anni.

Il soprannome Happy Face Killer gli è stato dato per la sua consuetudine di firmare con uno smile le lettere che spediva alla polizia e alla stampa per rivendicare gli omicidi. Jesperson attualmente è nel Penitenziario statale Riverside di Salem dell’Oregon e sta scontando 3 ergastoli.
Recentemente il suo nome è stato associato anche alla scomparsa di Ylenia Carrisi, la figlia di Albano e Romina Power sparita nel nulla il 6 gennaio 1994 proprio mentre si trovava negli Stati Uniti.

Ma tutte le indagini che sono state fatte successivamente hanno smentito ogni suo coinvolgimento nel caso.

La pellicola si sofferma sull’infanzia difficile e contraddistinta da segnali molto preoccupanti che non furono colti dai due genitori.

Ad esempio già quando era piccolo provava intenso piacere nell’ammazzare tartarughe colpendole alla testa con delle pietre. I casi di violenza sugli animali furono moltissimi Ma i genitori non solo non se ne preoccuparono ma se ne vantavano con gli amici.

Quando si è trasferito nello stato di Washington ha cominciato ad uccidere brutalmente cani e gatti randagi.
Poi divenne sempre più violento e, da adolescente, arrivò quasi ad uccidere due coetanei.

Non aveva mai avuto un amico e neppure una fidanzata. Ciononostante riuscì a sposarsi e avere tre figli.

Nella pellicola vedremo come il criminale confessò agli inquirenti di non essere più soddisfatto di uccidere gli animali e di sentire la necessità di passare agli uomini.

La prima vittima e quindi il primo omicidio c’è stato nel 1990 a Portland nell’Oregon. Si si trattava di una 23enne affetta da un lieve ritardo mentale.



0 Replies to “I film dell’estate 2018 | Happy face killer | il 18 agosto su Rai2”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*