Killing Reagan, questa sera su National Geographic


Il film tv sull'attentato a Reagan in onda questa sera da National Geographic


Questa sera Nationl Geograhic propone il film Killing Reagan, interpretato da Tim Matheson e Cynthia Nixon con la produzione di Ridley Scott. Si tratta di un lavoro che si pone in continuità con progetti quali Killing Kennedy e Killing Jesus, anch’essi prodotti da Scott.

Il tv movie ricostruisce la vita dell’ex presidente degli Stati Uniti a partire dal periodo precedente l’elezione, fino all’attentato del 1981 e i giorni successivi. Lo abbiamo visto in anteprima.

La narrazione si apre su un raduno di sostenitori di Jimmy Carter: è il 9 ottobre 1980, mancano 26 giorni alle elezioni. Tra la folla, un uomo si agita: cerca di estrarre un’arma dalla tasca, ma alla fine desiste. Si precipita all’aeroporto, dove non passa inosservato: ispezionata la sua valigia, scoperte le pistole che vi sono contenute, i poliziotti procedono all’arresto. Possesso illegale di armi: questo è il capo d’imputazione che pende su John Hinckley, che può tornare a casa dopo aver pagato la cauzione.

killing reagan foto2
Intanto, la campagna elettorale procede. Già governatore della California, Reagan è intenzionato a dimostrare quanto vale: “Noi non siamo mai stati presi sul serio, per tutta la vita: a Hollywood, poi per il governatorato, non ci davano uno straccio di possibilità”, dice alla moglie. Ecco perché, nonostante la decisione sia arrivata tardi, ha scelto comunque di correre per le presidenziali. Prima dei confronti con gli avversari ripassa quello che deve dire, non si risparmia qualche uscita politicamente scorretta: i giornalisti non gli risparmiano articoli di fuoco, a lui e la moglie, ma l’attore non cede. Fino all’insediamento alla Casa Bianca. A dispetto degli indici di gradimento bassi, dell’opposizione democratica.

killing reagan foto4

Il racconto di Killing Reagan prosegue su due binari distinti: da un lato la vita del nuovo Presidente degli Stati Uniti, tra riunioni e impegni; dall’altro la quotidianità del 25enne John Hinckley. Un mitomane che brama Jodie Foster: si chiude in camera imitando De Niro in Taxi driver, è convinto che diventerà uno scrittore di successo: tutto mentre le foto di Jodie Foster lo guardano dai muri della stanza. Molto somigliante al vero Hinckley, arriva a telefonarle a casa, a seguirla al campus universitario. Un’escalation di follia, con lo sguardo sempre più allucinato. E l’apice della pazzia è proprio rivolto a Jodie Foster: un gesto significativo per attirare la sua attenzione.
Il 30 marzo 1981, mentre Reagan esce dal Washington Hilton Hotel, Hinckley spara. Non uccide nessuno, ma ferisce gravemente quattro persone: il Presidente, il portavoce della Casa Bianca, un ufficiale della polizia e uno della sicurezza.

killing reagan foto6
Gli eventi si susseguono in maniera lineare, senza flashback. Il film mostra anche quanto avvenuto subito dopo: la fuga di notizie infondate, Reagan in sala operatoria, Hinckley preoccupato che la Foster sappia. I consensi del presidente sono in rialzo.
Il tv movie si conclude con le parole della lettera scritta agli americani 13 anni dopo, quando Reagan seppe di essere malato di Alzheimer: fu l’ultimo saluto, Lasciava agli americani l’augurio di un grande futuro per il Paese, pronto a sostenere la battaglia con la malattia. Ancora una volta affiancato dall’inseparabile moglie.

  L’appuntamento è alle 20.55 su National Geographic, canale 403 di Sky.



0 Replies to “Killing Reagan, questa sera su National Geographic”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*