La realtà a cielo aperto dal 4 luglio su Cielo


Inizia un ciclo di documentari dedicati alla attualità e a tutte le contraddizioni della realtà che viviamo. Da questa sera 4 luglio fino al prossimo 29 agosto, ogni martedì alle 23:00 il canale Cielo propone la serie di documentari "La realtà a cielo aperto".


Inizia un ciclo di documentari dedicati alla attualità e a tutte le contraddizioni della realtà che viviamo. Da questa sera 4 luglio fino al prossimo 29 agosto, ogni martedì alle 23:00 il canale Cielo propone la serie di documentari “La realtà a cielo aperto“.

Il ciclo si apre questa sera con la prima tv del documentario “Napolislam“. Si tratta di un cortometraggio scritto e diretto da Ernesto Pagano che ha vinto il Biography Italian Award nel 2015. Il documentario arriva in prima tv dopo essere stato presentato in anteprima all’edizione 2016 del Festival del Cinema di Roma. E’ un’inchiesta di grande interesse perché affronta il tema della islamizzazione di alcune zone della Campania tra cui la città di Napoli. Infatti al centro della trama c’è la conversione all’Islam di 10 abitanti della città partenopea. Sono loro ad essersi dichiarati responsabili di questo processo di islamizzazione che da tempo interessa la città.

La settimana successiva, martedì 11 luglio, sempre in seconda serata alle 23:00, va in onda invece il documentario “L’arma dell’amore“. Al centro del dibattito c’è il mercato libero delle armi in America, un argomento annoso e di grande importanza per combattere il quale Barack Obama ha tentato molte strade purtroppo senza riuscirci. Questa volta i riflettori sono puntati su un prete evangelico e la madre di un giovane ucciso con un’arma da fuoco. Ambedue esprimeranno dubbi, nel corso dell’intervista a loro riservata, sul come sia possibile conciliare l’uso indiscriminato delle armi con il rispetto della vita umana.

Nelle settimane successive, il 18 luglio, il ciclo prosegue con “Pervert Park“, un documentario in prima visione vietata ai minori di 14 anni sui sex offenders, ossia i condannati per reati sessuali che hanno offeso minori e donne.

la realta a cielo aperto

La settimana dopo il 25 luglio, è la volta di “Zucchero – The Sugar film“. Si tratta di un documentario che condanna l’eccessivo uso dello zucchero raffinato da parte dell’industria alimentare moderna. Una moda che è dannosa per la salute pubblica.

Il primo agosto arriva “How to change the world” che ricostruisce i primi anni di vita di Greenpeace, la nota associazione a salvaguardia dell’ambiente, la più importante al mondo. Il documentario contiene interviste rilasciate dai responsabili di Greenpeace che fanno notare come il pianeta Terra si stia deteriorando accostando immagini di oggi a quelle del passato.

Martedì 8 agosto ci sarà un doppio appuntamento sempre in prima visione tv. Ambedue hanno come argomento principale il sesso. Il primo documentario è: “Sex for five euros” che va in onda alle 23:00 ed è una drammatica testimonianza sul dilagare della prostituzione minorile. A mezzanotte è la volta di “The sex Police” che punta i riflettori sulla schiavitù sessuale e tutte le dinamiche ad essa legate.

A Ferragosto arriva sempre in prima visione il cortometraggio “Smokings” che si sofferma sulle difficoltà incontrate dai titolari di una ditta impegnati nella produzione e nella vendita on line delle sigarette.

Il 22 agosto vedremo “Love me – mogli online” che trae spunto dai viaggi di molti uomini occidentali in Ucraina per incontrare alcune ragazze conosciute online con la speranza di convolare a nozze.

Infine l’ultimo appuntamento della serie, martedì 29 agosto, è con “Whore’s glory – prostitute nel mondo“. Si tratta di un documentario ancora vietato ai minori di 14 anni che descrive la disumana condizione delle donne costrette a prostituirsi in 3 nazioni del mondo: Messico, Thailandia e Bangladesh.



0 Replies to “La realtà a cielo aperto dal 4 luglio su Cielo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*