Rai: nascono tre nuovi canali radiotelevisivi


Rai Radio 6 Teca, Rai Radio 7 e Rai Radio 8 Opera sono i tre nuovi canali che si aggiungono all'offerta della tv pubblica


 

Dieci canali. La Rai ha annunciato stamattina nella sede di Viale Mazzini, attraverso il suo direttore generale Luigi Gubitosi e il direttore di Radio Rai Nicola Sinisi, la nascita di tre nuovi canali radiotelevisivi per il servizio pubblico: aggiunti agli altri, fanno dieci. Dieci canali pubblici, che in Italia non ha nessuno.

“Dobbiamo tutto ciò – ha precisato il direttore Gubitosi – al digitale terrestre che sta diffondendosi ovunque, ed anche alla digitalizzazione dell’enorme patrimonio delle teche, degli archivi, degli scrigni di via Asiago”.

Con una necessaria trasformazione e semplificazione della grafica, ora si contano Rai Radio1, RaiRadio 2 , RaiRadio 3, RaiRadio 4 Light, RaiRadio 5 Classica, RaiRadio 6 Teca, RaiRadio 7 Live, RaiRadio 8 Opera, RaiGrParlamento, Rai Isoradio.

La nuova offerta, nata dagli editori sulla piattaforma radio digitale Dab+, è definita ‘differenziante e competitiva’: una vera esclusiva nel panorama web e in quello della radio digitale.

Il 7 settembre i programmi prenderanno avvio: RaiRadio 6 Teca sarà un viaggio quotidiano nella storia, nel teatro, nella letteratura, nell’economia, nel costume, nello sport, nel cinema, sempre sulla base degli anniversari e delle ricorrenze storiche: realtà e documenti del passato dell’Italia e della vita di RadioRai, accompagnati da una scheda introduttiva ogni giorno con nuovi contenuti, si svolgeranno per precise fasce orarie.

In settembre si comincerà con una selezione dei programmi di RadioRai vincitori del prestigioso Prix Italia, che si svolgeva proprio  a settembre ogni anno in una città d’arte: in novembre, a 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini, si utilizzeranno le più di 40 ore di registrazioni della sua voce sulle sue concezioni estetiche, politiche e sociali. E ancora, per il progetto Capitani Coraggiosi saranno le registrazioni delle voci di Morandissimo 1969 e di Mezzogiorno con Baglioni,  ad esaurire le 100 ore di programmi da ritrasmettere.

Luigi Gubitosi

Luigi Gubitosi

RaiRadio 7 Live è una finestra sugli eventi live del passato e del presente, un’offerta mai come in questo caso distintiva, caratterizzante, esclusiva e competitiva:qui rientrano Umbria Jazz, Radio 2 Lucca  summer festival, Ravello Festival, L’evento a Casa di Lucio ed altro, ovviamente destinato in prevalenza ai giovani fra i 14 e i 34 anni, ma non solo, e tutto organizzato per orario e genere. RaiRadio 8 Opera, essendo l’Opera un’eccellenza assoluta italiana che neanche i giovanissimi disdegnano (se essi non frequentano i teatri lirici, è solo per i costi), gode di un assoluto privilegio: inizierà l’8 agosto alle ore 8 del mattino. Sì! Sarà un canale web trasmesso anche sulle frequenze della radio digitale Dab+, e avrà un pubblico molto ampio visto che non esiste un’offerta editoriale completa, con contenuti multimediali sull’Opera, come questa. 

L'artista Fiorenza Cossotto

Fiorenza Cossotto

RaiRadio 8 Opera inizierà proprio dalla “Norma” di Bellini cantata dalla Callas, e a seguire dalla “Traviata” cantata dalla Tebaldi, la nemica giurata della cantante greca, ma la preferita da Toscanini. E’ in questo nuovo canale che ascolteremo opere per intero, direttori di nome (specialmente avvicendatisi sulle Orchestre Rai), cantanti celebri di ieri e di oggi: anzi nella programmazione della prima settimana di agosto, segnaliamo per gli appassionati intenditori “Matilde di Shabran” di Rossini col tenore belcantista di eccezionale valore Juan Diego Florez,  “Otello” di Verdi col mitico tenore drammatico Mario Del Monaco, “I Capuleti e i Montecchi” di Bellini col mezzosoprano Fiorenza Cossotto, una tigre della vocalità, “Don Giovanni” di Mozart diretto da raffinato  Carlo Maria Giulini. Una nuova stagione nasce in Rai e per tutto il pubblico italiano, caratterizzata non solo dalla rarità, ma soprattutto dalla qualità



0 Replies to “Rai: nascono tre nuovi canali radiotelevisivi”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*