Pequenos Gigantes, la seconda puntata: escono i Ribelli di Maurizio Zamboni


Tutt ele esibizioni dei piccoli protagonsiti del programma condotto da Belén Rodriguez


È andata in onda questa sera la seconda puntata di Pequenos Gigantes, il programma di Canale 5 condotto da Belén Rodriguez.
Protagonisti dello show sono i bambini, che si cimentano nelle varie discipline dello spettacolo, tra una candid e un siparietto con i loro coach.

Abbiamo seguito l’appuntamento in diretta, ripercorrimao quanto avvenuto.

 {module Pubblicità dentro articolo}

Cinque le squadre in gara; in giuria Claudio Amendola, Megan Montaner e Francesco Arca.

pg 26feb megan montaner

Il primo bambino su cui si accendono i riflettori è Giorgio, che ama alla follia il personaggio di Spider Man e, a soli quattro anni, non riesce a pronunciare bene la parola “fotografo”. Il bimbo, in braccio a Stefano De Martino, canta Hanno ucciso l’uomo ragno, conquistando un punteggio di 9,2.

Kledi schiera Matilde. La ragazzina balla con il suo insegnante, guadagnando l’8,8 da parte dei giudici.

Michael e Pierangelo, spalleggiati da Attilio Fontana, si esibiscono con Tu vuò fà l’americano: 8,8 di media anche per loro.

Insieme a Rudy Zerbi, il piccolo Gaetano si destreggia tra le parti del corpo umano con un “allegro chirurgo” gigante: gli rimane il dubbio di capire come faccia il suo maestro senza i capelli per proteggersi dalla pioggia. Per Gaetano, il terzo 8,8 della serata.

pg 26feb zerbi gaetano

Maurizio Zamboni, la cui squadra è ultima in classifca ha suggerito a Luigi di cantare Imagine; tra i due si è creato un feeling particolare. I tre giurati gli danno un punteggio di 8,7.

Per spezzare le performace, ecco la prima candid sullo stile di Chi ha incastrato Peter Pan: De Martino chiede a Giorgio di coprirlo, rispondendo a una chiamata al posto suo invetando una serie di scuse. A un certo punto, Giorgio suggerisce come ipotesi quella del cinema: “ti piace come idea?”, chiede.

Per scoprire l’ospite, i bambini hanno dovuto ricostruire una sorta di puzzle: il volto che è uscito, è quello di Luca Laurenti. La spalla di Bonolis  gioca con i “pequenos”: deve indovinare alcuni oggetti sulla base delle indicazioni ricevute. Nel descrivergli un tablet, a un certo punto Giorgio sbotta: “ma questo non capisce niente”. Anche Clarissa si spazientisce presto.

pg 26feb laurenti

I giudici assegnano il punto della prova a Gaetano, che è riuscito a farsi capire meglio rispetto agli altri.

Si riparte con la seocnda manche di sfide. Stefano De Martino ha convinto Alison a cantare Hello di Adele, e la ragazzina conquista un 10 dalla Montaner. Ottiene così il 9,2 di media.

Pietro invece, supportato dall’aiutante Kledi, ci mostra un numero di magia in cui tira fuori i “fulari”. Riesce anche l gioco della scatola da cui esce a sorpresa la collega Matilda.

Per la squadra d Attilio FOntana, Maddalena balla un estratto da Il barbiere di Siviglia: 9 per lei.

In questo turno, Zerbi schiera Giada che, a otto anni, “ha l’approccio di una professionista”: il brano Tu si ‘na cosa grande le fa pensare al nonno. Sono tutti emozionati, e Gida raggiunge il 10 tondo di media.

Per Maurizio Zamboni scende in pista il ballerino Gabriele: la coreografia a sfondo militareche si conclude con i fiori puntati come fucili, gli fa guadagnare voti per il 9,2 di media.

pg 26feb giorgio

La seconda manche si conclude con una nuova candid: il povero Pietro è stato lasciato da Kledi solo in una stanza con un piatto di hmaburger e patatine, che erano destinate alla “dieta” del ballerino. Puntualmente, appena Kledi esce dalla stanza, entra una signora che ne mangia un boccone e chiede a Pietro di mantenere il segreto.

Uno dei momenti più esilaranti, come accadeva con Laurenti, i bambini lo regalano posti davanti alla libera espressione: rispondere ad alcune domande infatti, diventa il pretesto per dare sfogo alle loro conoscenze e alla loro spontaneità.

Inizia la terza manche. per Stafano, ballano Gabriele e Samuele sulle note di Freedom: 8,3 il punteggio realizzato.

Tecla propone Let it go, brano portante della colonna sonora di Frozen: Kledi dice che, quando la ascolta, gli viene voglia di iniziare a cantare. 9,3l media che la ragazzina porta alla sua squadra.

Insieme ad Attilo Fontana, Flavia racconta una nuova versione della favola di Cappuccetto Rosso, inserendo tra i personaggi i tre giurati Amendola, Montaner ed Arca. Punteggio di 8,8 per la bambina.

Gaia e Daniele cantano sulle note di Michael Bublé: lei in settimana ha avuto dei problemi, sentendosi poco supportata dal compagno e maturando una forte ansa. Li introduce Gaetano. I due ottengono un punteggio di 9,2.

pg 26feb clarissa

Chiude la manche Clarissa, per la squadra di Maurizio Zamboni. Lei ci mostra una performance con le bolle di sapone, spiegando a parole lo spettacolo: 9,5 per lei.

La classifica colloca però ancora il suo team, quello dei Ribelli, all’ultima posizione. In attesa delle altre sfide, lo scherzo fato a Gaetano: Zerbi l’ha portato in una fattoria, dove il bambino ha “conosciuto” un cinghiale che parlava, ma non agli adulti.

I The Kolors arrivano a pochi minuti dalla mezzanotte. Il gruppo si esibisce insieme ai protagonisti del programma con il singolo tormentono Everytime; prima che Stash lasci lo studio, Belén manda in onda un filmato che mostra le reazioni esaltate delle ragazzine durante le prove.

pg stash

In attesa di sapere quale squadra dovrà lasciare lo show, una candid con protagonista Clarissa, lasciata nel camerino della conduttrice con trucchi, vestiti e un vassoio di pasticcini. A Flavia invece, è toccato cercare d mantenere sveglia la zia di Belén: la bimba ha cercato di perlare il più possibile.

 Ed ecco il verdetto: ad abbandonare Pequenos Gigantes sono i bambini capitanati da Maurizio Zamboni, i Ribelli. I piccoli però non vengono mandati via a mani vuote: ricevono gioochi e vestiti come regalo di consolazione per alleviare la delusione.

La puntata si conclude qui.



0 Replies to “Pequenos Gigantes, la seconda puntata: escono i Ribelli di Maurizio Zamboni”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*