‘O mare mio, la diretta del 16 gennaio


Il viaggio di Antonino Cannavacciuolo alla scoperta del mare e delle tradizioni dei borghi marinari


Seconda puntata questa sera su Nove con Antonino Cannavacciuolo. Lo chef è al timone di ‘O mare mio, viaggio nel mare e le tradizioni culinarie dei borghi marini. Dopo l’appuntamento di esordio ad Aci Trezza, abbiamo seguito il programma in diretta anche stasera.

Ripercorriamo quanto avvenuto.

Oggi Cannavacciuolo è a Porto Cesareo, in Puglia, alla scoperta della triglia. Dopo la pesca in comapgnia infatti, viene individuata la ricetta a base di questo pesce, su cui si sfideranno tre abitanti del posto.

o mare mio 16gen barca

Siamo a bordo dell’Andrea Doria, il sole sta sorgendo. Per le triglie viene utilizzata un’apposita rete. Una volta pescate, vengono fritte a bordo: tutte intere, con tanto di squame e testa. Il piatto prende il nome dal pentolone in cui le triglie vengono cotte: quataru.

o mare mio 16gen casa francesco

A questo punto, grazie ai consigli di Maurizio che lo guida, vengono individuati i tre cuochi casalinghi che si sfideranno: l’artista della pasta fatta in casa Angela, la bella pizzaiola Dalila, il “sedicente campione del mondo di quataru” Francesco. Lo chef si reca a casa di ciascuno di loro, e Francesco gli dice subito che i cuochi televisivi propinano cavolate, perché non sono autentici. Già che c’è, Francesco aggiunge pure che in Italia contano le raccomandazioni, e che probabilmente Cannavacciuolo avrà comprato il suo titolo con qualche centinaio di mila lire.

La visita prosegue: finalmente Dalila può preparare una pizza diversa, visto che altrimenti i tradizionalissimi abitanti di Porto Cesareo non gliela comprano. Fa assaggiare gamberetti, zucchine e una spolverata di Zenzero: quando la provano, anche i clienti presenti nel locale la apprezzano.

o mare mio 16gen sfidanti porto

L’appuntamento è per il giorno dopo al porto: i tre sono pronti a sfidarsi, non senza punzecchiarsi. Salvatore in particolare, si dimostra molto polemico con le due donne: davanti alle loro scelte di utilizzare cous cous, pomodorini e, in generale pasta, non trattiene i commenti critici. Alla fine Angela gli dice di farsi i fatti suoi.

o mare mio 16gen quararu

Realizzati i tre piatti, diversissimi tra loro, Cananvacciuolo procede all’assaggio. Proprio Salvatore si rivela il migliore, ma stavolta deve sottostare alle indicazioni di Cannavacciuolo: lo chef infatti, cucina una sua rivisitazione del quataru. Nonostante le perplessità, Salvatore cede: questo ibrido gli piace.

o mare mio 16gen cannavacciuolo salvatore

La puntata si conclude qui: una tavolata di commensali seduti, pronti a provare la nuova ricetta. I titoli di coda scorrono mentre Dalial legge la lettera di ringraziamento scritta da Canavaciuolo, che ora si sente un po’ salentino.



0 Replies to “‘O mare mio, la diretta del 16 gennaio”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*