I Puffi 2, dal cinema alla maratona tv di oggi


al cinema dal 19 settembre e su Cortoonito da oggi


“Che tu viva in Brasile, in Cina, in Russia, a Parigi, in Belgio o a New York… che si chiamino los Pitufos, o i Puffi, o les Schtroumpfs… tutti amano i Puffi”, dice il produttore Jordan Kerner. “Con I Puffi, ed ora con I Puffi 2, abbiamo cercato di fare film che potessero essere tradotti in tutti i confini geografici, il che funziona, visto che il tema dei Puffi è presente in tutte le culture”.

Il 19 settembre arriva al cinema per la Warner Bros. Pictures Italia “I Puffi 2” di Raja Gosnell. Nel famoso film d’animazione del 2011 della Columbia Pictures/Sony Pictures, I Puffi, gli eroi alti due mele o poco più, avevano provato che un successo lungo 50 anni, non avviene per caso. Sin dalla loro prima apparizione sulle pagine di un fumetto belga del 1958, i Puffi di Peyo hanno divertito bambini ed adulti di tutto il mondo, apparsi su fumetti, libri, serie TV, film, videogiochi, spettacoli dal vivo, figurine (oltre 300 milioni di pezzi venduti)… e, finalmente, conquistato il box office internazionale.

Il film è risultato un fenomeno globale, riuscendo ad incassare 560 milioni di dollari. “Io e la figlia di Peyo, coproduttrice del film, Veronique Culliford, – dice Kerner – abbiamo lavorato a stretto contatto nello sviluppo delle storie”. Nel sequel della commedia campione d’incassi I Puffi, un mix tra live action e animazione della Columbia Pictures/Sony Pictures Animation, il perfido mago Gargamella crea una coppia di dispettose creature dalle sembianze dei Puffi, chiamati Monelli, che spera di sfruttare per conquistare la potente essenza magica dei Puffi. Ma quando scopre che, solo un vero Puffo può dargli quello che desidera e che solo un incantesimo segreto, noto a Puffetta, può trasformare un Monello in un Puffo, Gargamella rapisce Puffetta (nella versione originale ha la voce di Katy Perry) e la porta a Parigi, dove è adorato da milioni di persone e considerato il più grande stregone del mondo. Sarà compito di Grande Puffo, Tontolone, Brontolone e Vanitoso ritornare nel nostro mondo, riunirsi con i loro amici umani, Patrick e Grace Winslow, e liberarla! Riuscirà Puffetta, che si è sempre sentita diversa dagli altri Puffi, a trovare un nuovo legame con i Monelli Pestifera (nella versione originale ha la voce di Christina Ricci) e Frullo – oppure i Puffi la convinceranno che il loro amore per lei è veramente blu?

I PUFFI IN TV – Sono completamente blu, hanno cappello e pantaloni bianchi, e da fine agosto sono tornati in tv, tutte le sere alle 20.25 in esclusiva su Cartoonito con la serie originale de I Puffi. In più, domenica 15 settembre il canale prescolare gratuito della joint venture Turner-Mediaset presenta “Una puffa serata”: un’esclusiva maratona interamente dedicata ai celebri personaggi nati nel 1958 dalla fantasia del fumettista belga Pierre Culliford e diventati un fenomeno mondiale propro grazie alla serie tv prodotta da Hanna & Barbera.

L’appuntamento è dunque domenica alle 19.35, per oltre un’ora e mezza di divertimento insieme ai Puffi originali, con tanti episodi non-stop che faranno scoprire ai bambini, e ripassare ai loro genitori, la storia di Puffetta. La protagonista incontrastata di questa maratona sarà proprio lei: unica femmina tra i puffi, creata da Gargamella per farsi aiutare a catturare gli odiati rivali, nata bruna e cattivella ma diventata subito bionda e buona, Puffetta è corteggiata e amata da tutti, e con il suo caratterino finisce spesso nei pasticci, da cui però trae sempre delle utili lezioni di vita. Puffetta si trova bene nel villaggio tra i suoi amici puffi, ma questo Gargamella proprio non lo sopporta, e farà di tutto per farla ritornare monella.



0 Replies to “I Puffi 2, dal cinema alla maratona tv di oggi”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*