Rai e Legambiente in Puliamo il mondo


Tutte le manifestazioni realizzate dalla Rai in occasione della manifestazione


Dal 27 al 29 settembre torna Puliamo il Mondo, una delle più interessanti iniziative di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai. Anche quest’anno, nell’ultimo week-end del mese, migliaia di volontari si impegneranno per ripulire strade, piazze e sponde dei fiumi dai rifiuti e rendere le città e gli spazi all’aperto dove sono i monumenti  più belli, vivibili e puliti.

La Rai collabora con Legambiente dal 1995 e mette in onda, per la promozione della campagna, trasmissioni, dirette e uno spot istituzionale di sensibilizzazione, realizzato dalla Direzione Promozione e Immagine, che andrà in onda sulle reti Rai. Protagoniste del messaggio sono le statue belle e ammirate di tutti i tempi  che compaiono con scope e rastrelli,  per pulire il mondo e invitare tutti ad un impegno comune.
Anche quest’anno, Ambiente Italia, la rubrica della Tgr in onda su Rai3, seguirà la settimana di avvicinamento al week-end di Puliamo il Mondo con una serie di servizi che saranno proposti dal 23 al 28 settembre. Domenica 29 invece, ci sarà uno Speciale per documentare, in diretta, la grande giornata di volontariato ambientale.

Importante anche l’impegno del TgR Ambiente Italia che trasmette tutto in diretta. Da lunedì 23 settembre a sabato 28 il fine è verificare come il Paese si mobiliti e per tracciare una sorta di mappa dell’Italia da ripulire; domenica 29 si va in onda per testimoniare, con due ore e un quarto di collegamenti diretti e servizi riversati dalle varie sedi regionali, il lavoro di decine di migliaia di volontari in strade, piazze, parchi, aree archeologiche, periferie, spiagge, montagne.    
La più grande iniziativa di volontariato ambientalista impegna anche quest’anno la Testata Giornalistica Regionale che mette a disposizione spazi, uomini e mezzi per informare e consentire la più larga partecipazione dei cittadini.
In prima linea, Ambiente Italia, storica rubrica della testata, in onda dal 1990, ormai riferimento per tutti coloro i quali si misurano sui temi della sostenibilità, della qualità della vita, della sicurezza e salubrità degli ambienti di lavoro, della tutela del patrimonio ambientale-storico-artistico.
Si comincia lunedì 23 settembre. Alle 15.20 (subito dopo il Prix Italia), diretta dallo studio Tv4 di Torino: ospiti in studio, collegamenti dal territorio, il dialogo con i telespettatori attraverso facebook (segnalazioni, soprattutto, su zone meritevoli di intervento), la testimonianza di personalità del mondo della politica, della cultura, dello spettacolo. Un quarto d’ora ogni giorno, sino a sabato 28 e, quotidianamente, l’approfondimento su una città: Roma (lunedì), Napoli (martedì, ospite in studio don Luigi Ciotti), Milano (mercoledì), Torino (giovedì), Palermo (venerdì), Bologna (sabato).
Ogni giorno anche un collegamento Skype con sindaci e volontari per testare la preparazione dell’evento in giro per l’Italia e per documentare iniziative di particolare significato in atto già nel corso della settimana (ad esempio la regata nel Santuario dei Cetacei per raccogliere plastica alla deriva).
Ma sarà la lotta alle Ecomafie, il diritto a vivere in un ambiente sano e gradevole, a segnare lo Speciale di domenica 29 settembre: dalle 9.45 alle 12, in diretta su Rai3, le telecamere di Ambiente Italia racconteranno l’operazione pulizia dei volontari, soprattutto nella Terra dei Fuochi, tra le province di Napoli e Caserta, simbolo di traffici illegali dei rifiuti, al centro di eredità di inquinamento del passato così gravi da rendere impossibile ormai i tentativi di bonifica.  Il set principale della trasmissione sarà nel comune di Succivo, nel casertano, in un casale un tempo ricco di storia, ma oggi circondato dal degrado di ettari di territorio avvelenato. Eppure lì Legambiente ha istituito uno dei suoi centri di osservazione e pronto intervento; lì sono nati orti sociali con produzioni di qualità; lì centinaia di ragazzi hanno finora potuto fare esperienza di legalità.
Presenti, oltre ai volontari, quelle personalità che vorranno così dimostrare attenzione ai problemi di una delle aree più abbandonate del Paese. In collegamento diretto anche Roma (con le iniziative previste nel terzo Municipio) e Modena (dove i volontari si stringeranno con gli immigrati di un quartiere in una comune operazione di pulizia). Altri servizi (registrati nelle prima ore della mattinata, o nella precedente giornata di mobilitazione) riferiranno di quanto si realizzerà per Puliamo il Mondo in Calabria (Policastro), in Sicilia (Palermo, Villa della Favorita), Puglia, Marche (Porto Recanati), Cagliari, Torino (pulizia del Sangone), Pescara.



0 Replies to “Rai e Legambiente in Puliamo il mondo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*