Un caso di coscienza, la terza puntata


La trama dell'episodi di questa sera


Terza puntata questa sera, della serie Un caso di coscienza 5 interpretata da Sebastiano Somma, Vittoria Belvedere e Loredana Cannata. L’eposodio che va in onda su rai1 in prima serata ha per titolo Senza scrupoli.

 L’avvocato Rocco Tasca (Sebastiano Somma)  racconta ai suoi collaboratori che Saverio, il marito di Giulia Longhi (Vittoria Belvedere)  mentre era appartato in macchina con Chiara, la sua amante, ha visto atterrare un aereo cargo dal quale sono stati scaricati, da uomini in divisa, alcuni bidoni, portati successivamente su dei camion. Chiara sembrava non aver dato importanza al fatto ma, messa alle strette, aveva confessato che aveva in corso delle indagini personali su quanto era accaduto.

Saverio non può dire nulla alla moglie altrimenti la sua tresca sarebbe stata scoperta. Dà a Rocco l’incarico di indagare. Intanto Giulia si impegna per scoprire come la camorra si sia insinuata anche nella zona di Trieste Indagando su un caso di malasanità accaduto in una nota clinica, Giulia scopre che, tra i proprietari occulti di villa Losiani, c’è anche Vincenzo Perrone che era stato già indagato per la finta vendita di un centro commerciale a Marco Fabris. Intanto, Rocco e Virgilio scoprono che il terreno dove era atterrato il cargo, è diventato un cantiere privato. Rocco affida a Virgilio l’incarico di accertare se è possibile che un aereo cargo possa sfuggire alle intercettazioni dei radar. Virgilio viene a sapere da un suo amico, il colonnello Lanzi che il cargo non è stato intercettato in quanto volava a bassa quota fuori dalla zona di copertura del radar.

Si pensa allora, che il pilota, data la natura illegale del carico, possa essere qualcuno che conosceva bene la zona e al quale, forse, era stato ritirato il brevetto di pilota. Il colonnello ha dei sospetti su alcune persone e promette a Virgilio di svolgere delle opportune verifiche per scoprire l’identità dei criminali. Nel frattempo Saverio, nonostante abbia promesso all’avvocato Tasca di tenersi lontano dalla pista incriminata, si reca sul posto a scattare delle foto. Ma viene notato, senza che lui se ne accorga, da un vigilantes che era sul posto per fare la guardia. Le immagini mostrano il vigilantes mentre avverte un misterioso personaggio che non viene mostrato in volto.

Subito dopo, le sequenze inquadrano Marco Fabris che, dopo aver appreso la notizia, ordina al misterioso interlocutore di ammazzare Saverio perchè potrebbe essere un testimone scomodo. Il delitto viene compiuto. Rocco Tasca è il primo ad arrivare in ospedale dove Saverio giace privo di vita a causa, hanno detto i medici, di un apparente infarto. La puntata si chiude con Giulia che arriva trfelata in ospedale e stravolta, abbraccia il cadavere del marito.

Un caso di coscienza 5, la scorsa settimana, ha vinto la serata avendo la meglio sulla concorrenza di Canale 5 rappresentata da Io canto, il talent show canterino condotto da Gerry Scotti.



0 Replies to “Un caso di coscienza, la terza puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*