Tatuaggi e motori: che passione su D Max


Presentazione di due nuovi programmi di D MAX, Milano City Tattoo e GT customs


Chi credeva che tatuaggi e motori fossero argomenti riservati esclusivamente a nerboruti centauri è stato smentito, grazie a due nuovi programmi arrivati su D MAX (canale 52 del digitale terrestre, 28 Tivùsat). Si tratta di Milano city tattoo e GT customs, due appuntamenti che mostrano come nel mondo dei tattoo artists  e dei customers di vecchie auto contino soprattutto sensibilità, empatia e buoni sentimenti. Oltre al talento e alla professionalità, naturalmente. Il Milano City Ink apre le sue porte ai telespettatori ogni martedì alle 22:15, mentre l’A-Team di Chip Foose farà sfoggio del proprio estro tutti i lunedì a partire dalle 22:45.

Per questa seconda stagione di Milano city tattoo sono previsti otto episodi. La serie ci mostra i dietro le quinte di uno degli studi più importanti d’Italia, dove non si realizzano semplici tatuaggi, ma vere e proprie opere d’arte. Viene dato grande risalto al rapporto che si instaura tra il cliente e l’artista a cui affidare il compito di trasporre qualcosa di significativo sulla propria pelle. Impareremo a conoscere meglio i tatuatori, seguendoli tra le vie della city in cerca d’ispirazione, mentre i richiedenti sveleranno le ragioni profonde che li hanno convinti a marchiare il proprio corpo in maniera indelebile. Al Milano city ink non mancheranno arte, artisti ed ospiti internazionali, né le richieste di clienti vip, come ad esempio la rapper e conduttrice di Radio Deejay La Pina o il campione del Mondo dei pesi leggeri di pugilato Domenico Valentino.
Spostandoci in California, l’allievo del Boyd Coddington di “Hot Rod” Chip Foose, guida il suo team per realizzare delle straordinarie ed esclusive creazioni a partire da vecchie automobili americane. Ma la serie non si limita a questo. Si cerca di indagare anche il particolare rapporto che lega l’uomo alle macchine; così scopriamo che un ex veterano dei marines era stato costretto a vendere la Chevrolet Impala rimessa poi a nuovo dall’A-team per sostenere economicamente la propria famiglia. Un insegnante in pensione potrà togliersi lo sfizio di far tornare agli antichi fasti il suo Pikup Truk del 1954 dopo aver finalmente finito di pagare il college alle figlie. Ma il lavoro per Chip Foose ed i suoi ragazzi non sarà affatto facile: riusciranno a soddisfare i propri clienti senza sforare il budget a disposizione?
Come abbiamo potuto già constatare in serie quali Los Angeles ink e Hot Rod, tatuatori ed esperti di Car-tuning saranno accomunati da un obiettivo condiviso: entrare in empatia coi propri clienti per realizzare delle creazioni originali che soddisfino appieno i loro desideri. Non semplici automobili e tatuaggi, ma delle autentiche opere d’arte, realizzate su pelle o su… Ruote…



0 Replies to “Tatuaggi e motori: che passione su D Max”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*