Diario Civile, questa sera si parla di Antiracket


un'altra puntata con il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti


 

Rai Educational presenta una nuova puntata di Diario Civile. L’argomento affrontato è l’Antiracket e come al solito se ne discute con il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti. Il programma è in onda dal 12 marzo, ogni mercoledì alle 21.15, e in replica il  venerdì alle 22:45, su Rai Storia, ch. 54 del Digitale Terrestre e ch. 23 Tivù Sat. Diario Civile è il programma di Rai Educational sui temi della giustizia, dei diritti, della legalità. Un appuntamento settimanale con la partecipazione del Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti.

A vent’anni dalla nascita del movimento antiracket di Tano Grasso, Diario Civile dedica la puntata a una delle attività che più arricchiscono le mafie, contro la quale l’imprenditore messinese riuscì negli anni ’90 a creare una rete di commercianti che, come lui, si rifiutavano di pagare il “pizzo”. “Molti di loro – racconta il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti – hanno pagato un prezzo altissimo, hanno visto il proprio negozio o la propria fabbrica in fiamme, hanno subito attentati, ricevuto minacce e avvertimenti. Uno di loro, Libero Grassi, è stato ucciso dalla mafia nel ‘91 a Palermo: si era ribellato ai clan, aveva scritto ai giornali, era andato in televisione”. “L’importanza delle estorsioni – spiega il Procuratore Roberti – non è soltanto nell’introito economico che un clan criminale può garantirsi attraverso il pagamento del “pizzo”. E’ soprattutto un veicolo di consenso e un modo per controllare il territorio. E’ l’attività attraverso la quale la cosca mafiosa si sostituisce allo Stato, offrendo ai commercianti e agli imprenditori un servizio di protezione che questi ultimi non ritengono lo Stato in grado di garantire”.
Nel documentario di Diario Civile, la storia dei movimenti antiracket: dal primo processo del 1991-1992 al Tribunale di Patti in provincia di Messina al processo contro gli estorsori di Ercolano del 2011-2012 tenutosi nel Tribunale di Napoli, dalla prima associazione di Capo d’Orlando alle sessanta associazioni antiracket attive oggi sul territorio nazionale.
“Anche le associazioni di imprenditori, come la Confindustria siciliana – dice Franco Roberti –  hanno preso seri provvedimenti in questo senso, espellendo gli imprenditori che pagano il pizzo e  in più parti d’Italia sono sorte reti virtuose di negozi che non pagano, creando di fatto un sistema ormai affermato di lotta collettiva al ricatto mafioso.

Diario civile è a cura di Alessandro Chiappetta, la regia èdi Graziano Conversano.



0 Replies to “Diario Civile, questa sera si parla di Antiracket”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*