Blob, nozze d’argento con Rai3


Il programma di Enrico Ghezzi compie 25 anni


La prima puntata andò in onda il 17 aprile del 1989. Da allora sono trascorsi 25 anni e Bloib gode ancora ottima salute. Longevo quasi quanto Beautiful, il programma di Enrico Ghezzi in onda su Rai3 alle 20,ha attraversato, nel corso del tempo una serie di peripezie legate all’avvvicendarsi di direttori e vertici Rai.

 Ma ha sempre mantenuto il proprio obiettivo: realizzare una singolare rassegna stampa di quanto è accaduto il giorno prima in tv, attraverso le immagini dei programmi che, accostate in maniera ironica e appropriata, sprigionassero quell’intelligente ironia chiave di lettura di quanto mandato in onda. Proprio questo montaggio ha contagiato il mondo della tv, tanto da far creare termini come “blobbino”, “blobbato”, “blobbismo”

Dunque l’ironia come arma di seduzione. Eppure Enrico Ghezzi, il padre di Blob ha sempre tenuto a sottolineare “non ho mai pensato di sedurre il pubblico”. Ma il programma è divenuto un vero fenomeno televisivo sul quale sono state scritte varie tesi di laurea presso le Università di Roma, Siena, Milano, Lecce, Perugia, Trieste, solo per cirane alcune.

Se oggi Ghezzi festeggia i 25 anni della sua creatura, domani la celebrerà a Roma in una full immersion nell’universo di Blob.  Tutti gli appuntamenti sono previsti alla sala Trevi a partire dalle 17 del pomeriggio. Sarà una giornata di autocelebrazione a ingresso gratuito che inizia proprio con la proiezione di “Blob- Fluido mortale”, film cult del 1958 con l’esordiente Steve McQueen. E’ preso da qui il mostro simile alla marmellata che invade ogni sera, da 25 anni, la sigla della trasmissione di Enrico Ghezzi con gli spettatori che scappano in massa dalla sala cinematografica.

Alle 18,30 “Il cinema visto da Blob” con tutte le schegge di cinema presenti in cento puntate. Alle 19,15 segue un montaggio de Il meglio di Blob, d2gli anni 1992-1998, da mani pulite alla discesa in campo di Berlusconi, al governo Prodi. Inoltre saranno proiettate la prima puntata del 17 aprile 1989 e l’ultima, del 18 aprile 2014. Dall’inzio ad oggi per documenatre anche come è cambiato l’approccio alla notizia mantenendo sempre il medesimo schema.

Infine, alle 21 ci sarà un incontro con Enrico Ghezzi e tutta la redazione che lavora al programma.

Anticipa Ghezzi a riguardo:

I numeri son più che mai fallaci e inadatti per parlar di Blob. La Blob Condicio è la sicurezza che a vincere è sarà fu l’insoddisfazione. Il trionfo di piccole grandi sublimi bruttezze incerte, lontane dalla sicurezza ideologica delle grandi bellezze. 25 anni sono troppi e son nulla. Il muro intarsiato e impiallacciato, tessuto tra immagini suoni parole scoppi di luce e ombre, muta a ogni istante. Sappiamo di non averlo mai toccato davvero, forse solo per questo lo riconosciamo nella  sua opacità trasudante di immagini trasparenti. Le scelte di montaggio e i salti a volte vertiginosi avvengono in ‘surplace’ quasi immobili. A ogni duna di sabbia che si disfa, quel che pare deserto si invola e si posa in altre forme.



0 Replies to “Blob, nozze d’argento con Rai3”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*