La Rai per la canonizzazione dei due Papi


tutti gli appuntamenti delle reti rai per seguire l'evento


La Rai sarà schierata con dirette, servizi, collegamenti, in occasione, domenica 27 aprile, della canonizzazione di Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII. Un grande impegno televisivo e radiofonico che culminerà il 27 aprile con la lunga diretta su Rai1 a cura del Tg1 e di Rai Vaticano, a partire dalle 9.20 del mattino e fino alle 12.20. Anche Radio 1 seguirà la cerimonia religiosa con uno “Speciale” filo diretto che andrà in onda dalle 10.10 alle 12.15.  

Domani sabato 26 aprile, giornata di preghiera e di veglie in attesa della doppia  canonizzazione, tanti  – fin dal mattino – gli appuntamenti sulle reti Rai. Alle 8.15 Rai2 e Rai Vaticano presenteranno l’ultimo dei quattro reportages dal titolo “Santo subito” (gli altri sono andati in onda il 29 marzo, il 5 e il 12 aprile), sul rapporto tra i giovani e i pontefici, mentre su Rai3 la Tgr alle 12.25 trasmetterà a diffusione nazionale, uno Speciale in diretta che racconterà la storia e i legami che i due papi hanno avuto con le regioni italiane.
Rai Storia, canale 54 del digitale terrestre (e ch 23 di tivusat) dedicherà, a partire dalle 15.30,  la sua programmazione di sabato a “ Una Giornata particolare: San Giovanni XXIII e San Giovanni Paolo II” con documentari e filmati.
Su Rai1, alle 17.45, andrà in onda “Credo” : Andrea Bocelli canta Giovanni Paolo II. Bocelli cantò più volte dinanzi al Papa polacco. Anche quando, il primo maggio 2000,  aveva perso il padre da poche ore. Alla vigilia della Canonizzazione, una delle voci più affascinati del mondo,  ricorderà Giovanni Paolo II  al pianoforte, nella sua casa di Forte dei Marmi, e gli offrirà una inedita Ave Maria. Poi, sempre su Rai1 dalle 24.05, Lorena Bianchetti racconterà la Notte Bianca in uno Speciale di A Sua Immagine “In attesa delle canonizzazioni”.
Rainews24 seguirà l’evento con servizi, collegamenti, inviati e ospiti. Il canale comincerà con molto anticipo a raccontare questo grande evento religioso e mediatico: dall’incontro per i giovani il 22 aprile a San Giovanni Laterano, al racconto dalle città che hanno dato i natali ai due Papi (Sotto al Monte e Cracovia), dalla “notte bianca della preghiera”, con le veglie nelle chiese del centro di Roma del 26 aprile, alla grande cerimonia per la canonizzazione di domenica 27. Il tutto con una speciale programmazione in diretta nei giorni 26 e 27, con ospiti in studio e  inviati a Roma e in Vaticano e nei luoghi d’origine di Angelo Roncalli e Karol Wojtyla.
Radio1 se ne occuperà già da venerdì 25 con una puntata monografica di “Radio Anch’io” alle 9.00,  con “Baobab” alle 16.30,  e nel sabato della vigilia con “Inviato Speciale” alle 8.30 e “A tu per tu” alle 11.30.
Oltre alle dirette di domenica 27 su Rai1 e su Radio 1 per la Santa Messa e la cerimonia officiata da Papa Francesco,  tutti i Tg Rai garantiranno ampia copertura informativa all’evento religioso, così come il Gr1, il Gr2 e il Gr3 non solo nel giorno della canonizzazione, ma nell’arco dell’intera settimana con servizi e interviste nelle maggiori edizioni. 
Domenica 27 aprile, infine, appuntamento di particolare rilievo con la grande fiction Rai: in prima serata su Rai1 andra in onda il film, per la regia di Andrea Porporati “Non avere paura – Un’amicizia con Papa Wojtyla”  liberamente ispirato al libro “Era santo, era uomo”  scritto dal maestro di sci e guida alpina Lino Zani  che divenne amico del Santo Padre, amante della montagna e dello sci. Tra i due nacque un legame che ha segnato per sempre la vita di Lino e che li ha uniti sino alla morte di Karol.  Il maestro di sci è interpretato da Giorgio Pasotti, il papa polacco da Aleksei Guskov.



0 Replies to “La Rai per la canonizzazione dei due Papi”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*