Renzi e Marescotti: niente tv per la par condicio


gli effetti della par condicio sulla presenza di personaggi in tv


Matteo Renzi non parteciperà alla Partita del cuore, in onda il prossimo 19 maggio su Rai1. E l’attore Ivano  Marescotti, non parteciperà alle prossime puntate della fiction Una buona stagione in cui interpreta il personaggio di Nino Ferrari, padre di Silvia. Due eventi legati da un medesimo filo rosso: la par condicio che, in tempi di elezioni, impedisce ai candidati di apparire in tv. A meno che non si tratti di programmi politici ma sempre insieme ad altri esponenti di altri compagini.

 Ma c’è qualcosa di differente nelle due situazioni:  il Premier Matteo Renzi ha scelto volontariamente di non far parte dell’iniziativa benefica, mentre Ivano Marescotti è stato “tagliato” a sua insaputa.

I telespettatori che hanno seguito la quarta puntata di Una buona stagione, martedì sera su Rai1, si sono resi conto dell’assenza di Nino Ferrari dal contesto familiare della serie. Hanno sentito gli altri personaggi fare il suo nome, è stato più volte tirato in causa, ma della sua presenza neppure l’ombra. Il motivo è da ricercarsi in un’altra presenza: quella dell’attore nelle liste di Tsipras come candidato alle elezioni europee del prossmo 25 maggio.

Insomma  Matteo Renzi ha dovuto fare un passo indietro ma a Marescotti glielo hanno fatto fare, il passo indietro, di prepotenza quasi.

Il Premier su Facebook ha annunciato di volersi tirare fuori dalla partita benefica dopo le polemiche di M5S e di Forza Italia. E così non comparirà in diretta televisiva su Rai1 nella quasi immediata vigilia delle elezioni europee.  Renzi nel suo post ha attaccato il Movimento di Grillo e ha spiegato i motivi per i quali aveva decsio di non partecipare alla partita. Motivi dettati dalla necessità di non sporcare un evento benefico che accomuna da anni gli italiani, con polemiche di bassa lega. Probabilmente il giovane premier resterà a guardare il match in forma privata. Ma non ha nascosto la sua amarezza perchè gli è stato infranto un sogno: giocare con alcuni idoli calcistici della sua vita.

Ivano Marescotti è sparito dalla serie di Rai1 perchè la Rai non può mandare in video persone candidate al di fuori degli appositi spazi politici. L’attore ha protestato, ha accusato l’azienda di viale Mazzini di cialtronaggine, ha rilasciato dure dichiarazioni. Questa non è par condicio, ha tuonato, ma soltanto manipolazione di un’opera dell’intelletto. Danneggia gli altri attori che prendono così parte ad un lavoro “censurato”.

Che accadrà in seguito?  Ci saranno ancora altri personaggi che saranno eliminati dal video “a loro insaputa”?



0 Replies to “Renzi e Marescotti: niente tv per la par condicio”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*