Riccardo Sardonè: “sempre più web series pensate per la tv”


iniziano gli incontri con i protagonisti delle web series


Come vi avevamo anticipato, in attesa dell’evento di settembre, si è svolto il primo appuntamento con i protagonisti del Roma Web Fest. L’incontro è avvenuto nell’isola Tiberina, nell’ambito della manifestazione isola del cinema, dove le web series saranno protagoniste per tutto il mese di luglio.

                                                                                                           

Ad aprire le danze, Riccardo Sardonè, protagonista di Stuck-The David Rea Chronicles, la serie che ha vinto la prima edizione del Roma Web Fest, quella dello scorso anno.
Diretta da Ivan Silvestrini, attualmente regista di Under, si tratta della prima serie web italiana in inglese, caratteristica che le ha permesso di rivolgersi ad un pubblico internazionale. Non solo: oltre a vincere l’edizione romana del Web Fest, Stuck si è aggiudicata proprio il premio regia al prestigioso festival di Los Angeles. Attualmente, è in fase di lavorazione il pilot della sua versione americana.

Al centro della storia un “emotional trainer” che dà consigli alle persone, perché di fronte alla vita di tutti i giorni, le persone si “incastrano”: scelgono il momento di essere deboli, si bloccano e chiedono aiuto, perché ammettere i propri limiti è rilassante. Ecco dunque che si rivolgono a David Rea, da cui però si ritroveranno inconsapevolmente manipolate.
Realizzata nel 2012, come ricorda lo stesso Sardonè, prima di Stuck, c’era solo Freaks! Quel che è però interessante notare, è che Ivan Silvestrini è un regista che aveva già lavorato per il cinema, a dimostrazione che produrre low budget per la rete non equivale a retrocedere con la propria carriera, ma semplicemente utilizzare un altro canale comunicativo. Il web al momento costituisce solo una vetrina, seppur importante, ma in futuro è sicuramente qui che si concentreranno i maggiori investimenti pubblicitari.

Sardonè è ormai un habitué delle serie web: ha infatti diretto anche Horror Vacui, e ora ha in cantiere Milf Hunter e Lobby Girl, che potrebbe diventare un film per il cinema. Proprio come per Stuck, il tono sarà ironico.
Milf Hunter, di cui ieri sera è stata presentato un trailer come anteprima, nasce in realtà come pensato per la tv: racconta di un ragazzo amante delle donna mature, le cosiddette “milf”. Il secondo invece, per il quale Sardonè è stato contattato da un produttore, ha come protagonista una donna che, per la prima volta, entra a far parte di una lobby. Al momento inoltre, è partita la campagna di crowfounding per Fuck the zombies.

Dopo Sardonè, a partire da giovedì prossimo, interverranno Vincenzo Alfieri (Forse sono io) e Daniele Barbiero (Youtubers e Fuck the Zombies ), Edoardo Ferrario (Esami), Luca Di Giovanni (Freelance si, Coglione no) e Claudio Colica (Vegan Chronicles).



0 Replies to “Riccardo Sardonè: “sempre più web series pensate per la tv””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*