La tv e le web series: il Roma Web Fest non ne parla


Il festival delle webseries non si opccupa di tv, nonostante il rapporto sia sempre più stretto


 

Si è aperta oggi la seconda edizione del Roma Web Fest, il festival dedicato alle webseries e gemellato con le omonime manifestazioni internazionali.

Per l’occasione Rai Fiction, uno dei tanti partner del festival, ha messo a disposizione ben due premi: uno di 5mila euro per la miglior serie web e un altro di 3mila euro destinato ad una menzione speciale.
Le webseries, ve ne abbiamo parlato diverse volte, costituiscono il campo su cui si stanno formando i futuri professionisti dell’audiovisivo: delle vere e proprie palestre da cui collettivi come The Jackal sono diventati virali o, questo il caso dei The Pills, sono sbarcati in televisione. Vi è anche il caso opposto: un comico come Edoardo Ferrario, visto su La7 e Mtv, ha acquisito una popolarità grazie al web con Esami.
Proprio tenendo conto del pubblico giovane che segue le serie su YouTube, con l’obiettivo di attrarre quei fruitori in veste di telespettatori, la stessa tv ha iniziato a produrre serie che ricalcano il formato breve delle webseries. Il sentiero l’ha tracciato Una mamma imperfetta di Ivan Cotroneo, trasmessa prima sul sito del corriere.it, poi su Rai Due; a novembre inoltre sarà la volta di Zio Gianni, scritta dai The Pills e interpretata insieme a Paolo Calabresi. Proprio martedì scorso poi, in chiusura di Ballarò ha debuttato Il Candidato con Filippo Timi.
Stupisce quindi che nel programma del Roma Web Fest, tra i tanti workshop e panel previsti, non ve ne sia nemmeno uno dedicato al rapporto tra tv e web. Da un lato perché questo rapporto si sta sempre più consolidando, dall’altro proprio in virtù del fatto che Rai Fiction abbia messo a disposizione ben 8mila euro di premio e, fattore da non trascurare, la struttura si stia dimostrando particolarmente interessata ai nuovi formati.

Il Roma Web Fest si sta svolgendo al Maxxi, il museo d’arte contemporanea di Roma: tre giornate dedicate alla rete insieme a registi e addetti ai lavori. Domani in particolare, si terrà un workshop della Buoncostume riguardante la realizzazione e, in seguito, un approfondimento sui diritti d’autore. Naturalmente, spazio anche alla proiezione delle serie che hanno partecipato a questa seconda edizione del Roma Web Fest.
La manifestazione di concluderà domenica sera, con la premiazione dei finalisti.



0 Replies to “La tv e le web series: il Roma Web Fest non ne parla”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*