Roma Web Fest, polemiche anche sui vincitori


Dubbi sulle serie che hanno vinto i premi del Roma Web fest


Il Roma Web Fest si è concluso domenica 28 settembre, ma le polemiche continuano. Ve ne avevamo parlato alla vigilia dell’inizio della manifestazione, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni riguardo i metodi di selezione delle serie finaliste; ora però, dopo l’assegnazione dei premi, sorgono nuovi dubbi.

                                                                                

Innanzitutto desta perplessità il riconoscimento come Miglior scena comica a Coglione No, che in realtà non è una webserie, ma una campagna di sensibilizzazione composta da tre sketch, tutti sulla stessa falsariga narrativa.
Se però in questo caso l’oggetto del contendere potrebbe essere la labilità della definizione di webserie, i malumori di molti partecipanti sono concentrati sulla pluripremiata Under. La serie è stata presentata al Roma Fiction Fest, e di certo le altre serie in concorso difficilmente potevano competere in quanto a sforzo produttivo: alla regia Ivan Silvestrini, mentre nei ruoli dei protagonisti Paola Iezzi e Gianmarco Tognazzi. Una serie a cui, proprio in virtù dei nomi coinvolti, i siti d’informazione avevano già dedicato post e spazio.
Al di là delle insinuazioni sulle conoscenze personali dei direttori artistici, in un festival che si propone come vetrina delle produzioni indipendenti, che vuole spazio ai giovani filmmakers e ai nuovi prodotti dell’audiovisivo, di fatto si finisce per dare diversi riconoscimenti a chi ha goduto di una sponsorizzazione privilegiata rispetto agli altri.
Vi sarebbe poi un’altra serie, Quella sporca sacca nera, che si sarebbe aggiudicata due premi pur avendo due soli episodi caricati on line al momento dell’iscrizione. Il regolamento del Roma Web Fest invece, prevedeva che le puntate dovessero essere almeno tre: Quella sporca sacca di conseguenza, sarebbe dovuta essere scartata in partenza.

Il mattatore della serata di premiazione è stato Saverio Raimondo, comico che ha partecipato alla puntata di Esami dedicata alla facoltà di matematica e che aveva condotto anche la serata di premiazione della prima edizione, quella dello scorso anno.

Di seguito i premi assegnati:

Premio Roma web fest: Milano Underground
Miglior serie italiana: Esami
Miglior serie straniera: Libres
Miglior produttore: Under
Miglior regia: Ivan Silvestrini (Under)
Premio del pubblico: Felici ma Furlans
Migliori effetti speciali: Elba – l’eredità di Napoleone
Miglior soggetto/sceneggiatura: Elba – l’eredità di Napoleone
Miglior montaggio: Milano Underground
Miglior fotografia: Quella sporca sacca nera
Miglior colonna sonora: Under
Miglior Sound design: Under
Miglior attore: ex aequo Franco Ravera (Notte Noir) e Luca De Giovanni (Il vecchio col cappello).
Miglior attrice: Valentina Bellè (Under)
Miglior scenografia/costumi: Under
Miglior grafica: Preti
Miglior scena horror: Horror vacui (inizio)
Miglior scena comica: Coglione no (l’idraulico)
Miglior scena d’azione: Quella sporca sacca nera



0 Replies to “Roma Web Fest, polemiche anche sui vincitori”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*